Caserta

Rifiuti, chiuse le scuole. No dei Comitati a discarica Ucar

Lo UttaroCASERTA. Il sindaco di Caserta, Nicodemo Petteruti, attraverso un’ordinanza, ha disposto la chiusura delle scuole, pubbliche e private, di ogni ordine e grado, presenti sul territorio comunale, causa la grave situazione igienico-sanitaria provocata dall’emergenza rifiuti.

A tal proposito, l’Asl ha comunicato all’amministrazione comunale che le concentrazioni di rifiuti create in città, anche con i cassoni scarrabili, sono fonte di pericolo sanitario e che i residui di rifiuti bruciati, estremamente tossici, non vanno mischiati ai normali rifiuti urbani. Intanto, il Coordinamento dei Comitati per l’Ambiente della provincia ritiene “assurda e pericolosissima” l’idea di utilizzare come sito di stoccaggio provvisorio il capannone dell’ex Ucar, sito nell’area Saint Gobain, a pochi metri dalla discarica di Lo Uttaro, sequestrata di recente dalla magistratura. “Il capannone – afferma il Coordinamento – si trova a pochi metri dalle case del quartiere Acquaviva di Caserta e di nuovi quartieri di San Nicola. Gli abitanti si ritroveranno la puzza e i pericoli dei rifiuti ancora più vicini di quando arrivavano da Lo Uttaro. Sembra una deliberata persecuzione che gli amministratori vogliono continuare a infliggere in particolare a una zona del territorio. Ci sono interessi in gioco? I cittadini saranno costretti a fuggire da quella zona come profughi?”. Intanto, comitati di quartiere stanno preparando denunce contro il sindaco Petteruti, individuato come “principale responsabile del disastro sanitario in corso”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico