Casaluce

Luongo (Pd) e Natale (Socialisti) ai ferri corti

Francesco Luongo CASALUCE. Il Pd sta lavorando in questi giorni ad un piano comunale dei rifiuti. “Abbiamo individuato – spiega il segretario Francesco Luongo – un progetto con il quale, indipendentemente dai pasticci della Regione, effettuati anche per colpa del nostro esponente politico Bassolino, si possa risolvere la questione rifiuti nel nostro comune”.

Il piano, “che deve essere rifinito nelle prossime settimane prima di poterlo presentare ai commissari”, prevede la realizzazione di un sito di trasferenza nel quale poter ammassare tutti i rifiuti e ripulire il territorio, uno di compostaggio per lo smaltimento dell’umido che al momento è impossibile raccogliere, l’isola ecologica, per la quale la Regione ha già stanziato i finanziamenti al nostro Comune, per poter arrivare il passaggio dalla tassa alla tariffa, e, cosa prima ed importante, l’avvio della raccolta differenziata. Quattro punti che, a detta di Luongo, permetterebbero al paese di diventare autosufficiente rispetto alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti. Nel piano in preparazione sono indicate molte procedure necessarie per sviluppare i punti principali della questione. Esperti nel settore sono, infatti, stati contattati per mettere a punto un quadro chiaro ed esplicativo sul da farsi. Unico nodo del quale devono occuparsi i commissari, perché di loro competenza, resta l’individuazione dei terreni. Ma “Casaluce è, tra i paesi dell’agro aversano, quello in cui c’è più terreno non edificato e dunque di spazio per realizzare i siti se ne trova in abbondanza”.

Franco NataleAncora una volta il segretario del Pd Francesco Luongo si mostra non tanto polemico ma di certo critico rispetto alla gestione commissariale. Luongo replica alle osservazioni del segretario del partito socialista, ex Sdi, Franco Natale. “Il Pd ha sempre criticato l’operato dei commissari e, al contrario dello Sdi, non li ha mai ringraziati semplicemente per un incontro concesso ai partiti ma si è riservato di farlo solo quando tutti i progetti indicati dagli stessi sarebbero stati realizzati. Al momento – conclude sul punto Luongo – non abbiamo ancora avuto alcuna possibilità per presentare il nostro grazie”. Lo stesso tono duro il segretario lo usa anche in merito al commento di Natale sulla presenza in paese di Lorenzo Diana. “Il senatore è venuto a Casaluce perché è il responsabile antimafia e dunque mastica di queste questioni. Ma soprattutto perché noi riteniamo che i vertici del nostro partito devono essere presenti sul territorio non solo per recuperare voti, ma anche per tentare di risolvere i problemi e le crisi che attanagliano il paese. Natale farebbe meglio a pensare al suo partito e non ad occuparsi delle faccende interne delle altre forze politiche”. E sull’incontro con il prefetto Luongo non si lascia sfuggire nulla, ma non è escluso che lo stesso Diana possa richiedere un colloquio chiarificatore, proprio nei prossimi giorni. Certo sembra esclusa la possibilità di una riunione congiunta in prefettura anche solo tra gli esponenti dell’ex Sdi e del Pd. Questo non significa che sia sfumato un possibile accordo elettorale tra le due forze politiche del centrosinistra in paese, ma di sicuro una certa tensione è nata tra di loro e non sarà semplice ritrovare la serenità. Lo stesso Luongo afferma: “Noi del Pd abbiamo ottimi rapporti con alcuni esponenti dello Sdi ma se Natale non fa ammenda di ciò che ha detto non escludiamo la possibilità che non ci siederemo ad un tavolo di contrattazione elettorale con i socialisti”.

dal Corriere di Caserta, mercoledì 30.01.08 (di Luisa Conte)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico