Campania

Lusciano, pizzo a Emini: arrestati ex amministratori comunali

carabinieriLUSCIANO (Caserta). Un altro colpo al clan dei Casalesi. Dopo i 16 arresti di ieri, all’alba di stamani i carabinieri del comando provinciale di Caserta hanno eseguito altre 10 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettante persone ritenute affiliate all’organizzazione camorristica.

L’accusa è di estorsioni aggravate per oltre un milione di euro, commesse dal 1999 al 2006, a danno della società “Emini Costruzioni” di Lusciano, oggetto anche di attentati dinamitardi. Tra gli arrestati ci sono due ex amministratori locali, Luigi Cristofaro, fratello del detenuto all’ergastolo Giuseppe Cristofaro) e in passato sindaco del Comune di Lusciano, la cui amministrazione fu sciolta per infiltrazioni camorristiche, e Gennaro Santagata, già presidente del consiglio comunale (carica da cui si era dimesso) nell’ultima amministrazione luscianese anch’essa sciolta nei mesi scorsi per camorra. I due, secondo i risultati delle indagini, ritiravano le rate del pizzo alla ditta, da cui avrebbero preteso anche la consegna gratuita di alcune villette. Arrestati anche due commercianti, Luigi Tamburrino di Parete e Nicola Verolla di Lusciano, che erano incaricati dal latitante dei casalesi Michele Zagaria di accompagnare l’imprenditore taglieggiato ad alcuni incontri con i referenti del clan. Contemporaneamente, la Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito il sequestro di società e beni immobili, per un valore di 8 milioni di euro, nei confronti di Tamburrino. Le indagini, coordinate dai magistrati della Dda di Napoli, Marco del Gaudio, Antonello Ardituro e Giovanni Conzo, sono la prosecuzione di un altro filone investigativo, coordinato dal pm Raffaele Cantone, che aveva già portato all’arresto, con le stesse accuse, di quattro affiliati al sodalizio criminale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico