Aversa

Soppressione treni notturni, Pizzo su Sat 2000

 AVERSA. Trenitalia vuole eliminare i treni notturni a lunga percorrenza, nonostante essi siano sempre pieni perché vengono utilizzati da migliaia di pendolari del Sud che lavorano al Nord.

Un’intenzione che se dovesse divenire realtà influirà negativamente su decine di famiglie, molti genitori non potranno più vedere i loro figli emigrati per lavoro, molti matrimoni e fidanzamenti diventeranno ancora più difficili, con fidanzati e coniugi che si vedranno ancor più raramente. Tantissima gente perderà ancor di più il legame con la terra natia. Non si capisce quale strategia ci sia dietro questa volontà, che è stata annunciata dal presidente delle Ferrovie dello Stato Innocenzo Cipolletta. I lavoratori del Sud pagheranno ancora una volta la colpa di essere nati in un posto sbagliato. Di questo problema si occuperà la trasmissione “Formato Famiglia” che sarà trasmessa tra le 12.05 e le 13 da Sat 2000, (Canale 801 di Sky e visibile anche su internet). Il programma è curato da Brando Giordani, condotto da Rosario Carello e diretto da Maurizio Ventriglia, è dedicato alla famiglia vissuta come realtà positiva, luogo di scambio di esperienze e rifugio nelle difficoltà. Ogni puntata ospita una famiglia protagonista di una storia, spunto e occasione per un dibattito su un argomento di attualità, con ospiti in studio e collegamenti in esterna, questa volta la famiglia in questione è quella di Salvatore Pizzo, direttore del Corriere di Aversa e Giugliano.it e di Nero Su Bianco, anche lui un pendolare che di notte, ogni 15 giorni, viaggia sui treni espressi tra Parma ed Aversa (e ritorno). Un viaggio che serve a mantenere il legame con la propria famiglia e la propria terra, che Pizzo mantiene anche attraverso la sua attività professionale, tanto da aver fondato un giornale on line rivolto ai nostri emigranti. Durante la trasmissione verrà mostrato un spaccato della vita e dei disagi subiti dal giornalista pendolare, domenica una troupe ha seguito lui e la sua famiglia sin dalla preparazione della valigia fino a quando è salito sul treno che lo ha portato al Nord.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico