Trentola Ducenta

L”opposizione: “Pagano peggio di Prodi”

Giuseppe ApicellaTRENTOLA DUCENTA. “Non bastava Prodi con il suo governo ad affliggere i cittadini, ci voleva anche la man forte di Pagano e Company”. Così inizia il manifesto del gruppo consiliare di opposizione “Libertà con il Polo” composto da Giuseppe Apicella, Michele Griffo, Raffaele Marino, Giuliano Pellegrino, Luigi Perfetto e Luciano Sagliocco.

Per gli esponenti del centrodestra, la stangata fiscale ed i rincari di tanti servizi: acqua, elettricità, gas, rifiuti, trasporti, che ha realizzato il governo con la manovra finanziaria 2008, ha già determinato una notevole “stretta di cinghia” da parte di tantissime famiglie che non vivono di agi e di sprechi, ma che, con sacrificio e difficoltà, talvolta insormontabili, non sempre riescono a raggiungere la fine del mese. A tutto questo, secondo i consiglieri, per tutti i cittadini di Trentola Ducenta si è aggiunto “il gravoso intervento dell’amministrazione Pagano”.

Nel manifesto, l’opposizione fa un elenco di provvedimenti approvati dall’esecutivo cittadino che avrebbero finito di “inguaiare” la popolazione. A cominciare dalla viabilità: “Sapete come Pagano e i suoi hanno ritenuto risolvere il problema della viabilità? Cominciando con l’individuare delle aree con possibilità di sosta a pagamento. In verità noi avevamo proposto di individuare delle aree di sosta ma con disco orario e non certo a pagamento. Forse l’amministrazione deve soddisfare qualche ‘promessa elettorale’? Considerato che la nostra città non è giornalmente frequentata da chissà quanti visitatori, tale spesa graverà solo sui residenti”.

Sotto accusa anche il trasferimento dell’ufficio postale. “Si è determinato – scrive l’opposizione – il peggioramento della viabilità, divenuta in alcuni tratti ed ore insostenibile, soprattutto in via Circumvallazione, dove tutto è stato aggravato con lo spostamento dell’Ufficio Centrale delle Poste, voluto dall’attuale dirigente dell’Ufficio stesso, notoriamente alleato dell’amministrazione Pagano”.

Altro capitolo sul bilancio: “Per aggravare ancora di più la situazione, la maggioranza ha approvato, naturalmente con il nostro voto contrario, un assestamento di bilancio (atto illegale per il non rispetto dei termini di legge), impegnando somme che saranno poi spese, ma che non sono state trasferite dallo Stato e che, nel conto consuntivo del 2008, resteranno a totale carico dei cittadini di Trentola Ducenta”.

Non potevano mancare nella lista gli incarichi professionali: “Dai mass media e dal vivo, sin dal suo insediamento, la maggioranza ha sempre detto di agire in nome della legalità e nella più totale trasparenza. Bene! È arrivato il momento giusto di darne conto: infatti nell’ultimo consiglio comunale è stato approvato, sempre con il nostro voto contrario, il ‘Disciplinare per incarichi professionali’. Cittadini sapete cosa prevede questo disciplinare? Che possono essere affidati incarichi direttamente, senza nessuna procedura particolare, fino all’importo di 20mila euro. Se non è trasparenza questa! Trattamento veramente particolareggiato, nel disciplinare in questione, è poi riservato ai tecnici giovani professionisti che, secondo il dettato dell’articolo 6, ‘potranno essere loro riservate, in via preferenziale, quelle attività di progettazione di importo fino a 5mila euro’. Poveri giovani professionisti illusi! Sarebbe bastato sostituire il ‘potranno…’ con “saranno loro riservate…”. Era troppo impegnativo?”.

Inoltre, la discussa questione edilizia: “Questa amministrazione si sta sempre più caratterizzando (e specializzando) in attività legate al mondo dell’edilizia, a solo utile personalistico e non della popolazione. A riguardo sono già programmate attività di permute ed espropri di terreni e stabili per particolari interessi specifici di alcuni consiglieri di maggioranza. Noi saremo attenti, vigileremo e, sicuro, non mancheremo di segnalare a chi di competenza tutti gli illeciti”.

Infine, la riorganizzazione della macchina amministrativa: “Non vorremmo – dicono i consiglieri – che, per pagare ‘promesse elettorali’ o ‘appartenenza familiare’ con la maggioranza, venissero realizzate di proposito promozioni sul campo solo per i dipendenti amici o parenti degli amministratori”.

Il “resoconto” del centrodestra si conclude con l’accusa, nei confronti della maggioranza, di “incapacità e inconsistenza politico-amministrativa”, che per l’opposizione rappresenta “un dato di fatto”. Secondo gli stessi consiglieri, qualcuno della maggioranza avrebbe tentato con loro un confronto sulle problematiche della cittadinanza, ma sarebbe stato “zittito” e “ricondotto all’ordine”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico