Italia

Roma, sulle unioni civili è scontro tra Veltroni e la Sinistra

Walter VeltroniROMA. E’ stata bocciata, con 48 voti contrari e solo 11 favorevoli, la delibera di iniziativa popolare presentata in consiglio comunale a Roma per l’istituzione del Registro delle Unioni Civili.

A votare contro è stato il Partito Democratico insieme all’opposizione di centrodestra, lasciando così in minoranza Rifondazione Comunista, Verdi, Comunisti italiani, Socialisti e Radicali della Rosa nel Pugno. Le proteste da parte dei tanti cittadini presenti nell’Aula Giulio Cesare del Campidoglio hanno spinto il presidente del consiglio comunale a sospendere i lavori. Alla generale soddisfazione del centrodestra (“Il buon senso ha prevalso sulle pressioni delle lobby omosessuali”, ha infatti affermato il capogruppo Udc alla Camera Luca Volontè), che continua la sua battaglia medievale contro i cittadini gay ed in favore di una concezione, ormai non più esistente nei fatti, di “famiglia tradizionale”, si è aggiunta quella del Ministro per la Famiglia Rosy Bindi che, unitamente al sindaco di Roma e segretario nazionale del Pd Walter Veltroni, ha affermato che “i Comuni non si possono sostituire allo Stato”, lasciando così intendere che sull’argomento si è in attesa di una precisa legge del Parlamento. Attesa pretestuosa – è stato subito fatto notare ad entrambi dai numerosi manifestanti in Campidoglio – dal momento che il loro partito, il Pd, voterà ovviamente in Parlamento come ha votato al Comune di Roma. Ma buona parte della Sinistra capitolina si aspettava questo risultato ed oggi fa valere i suoi “numeri” senza i quali Veltroni, e quindi il Pd, “non può governare Roma”, come ha già fatto notare il deputato e segretario romano di Rifondazione Comunista Massimiliano Smeriglio. “E’ stato un passo indietro nelle conquiste civili di Roma – ha aggiunto il capogruppo dei Verdi alla Camera Angelo Bonellil’aula consiliare sembrava quella di vent’anni fa, controllata da una potentissima Dc”. I più furenti nei commenti sono stati i socialisti che su questi temi si son sempre considerati baluardo in nome della laicità dello Stato; tra l’altro la bocciata proposta di delibera portava proprio la firma di un loro consigliere comunale. “La discussione sul registro delle unioni civili nel Consiglio comunale di Roma si è svolta sotto il veto della gerarchia vaticana”, ha dichiarato senza mezzi termini il deputato socialista Franco Grillini che non ha risparmiato dure bacchettate al Partito Democratico accusato di rimanere nella “sostanziale ambiguità che ha caratterizzato fino ad ora la sua posizione sui diritti civili”. “I cittadini di Roma – ha incalzato il suo collega Gavino Angiussi trovano di fatto in libertà vigilata” mentre il pur generalmente moderato Enrico Boselli non ha esitato ad affermare che “Veltroni e il Pd hanno sporcato l’immagine laica di Roma per ossequio alle gerarchie ecclesiastiche”. Ora spetterà a Gianluca Quadrana, consigliere comunale socialista di Roma, primo firmatario della proposta di delibera bocciata dall’assise consiliare, proporre il referendum comunale sull’argomento: “Partiremo il 15 gennaio: servono 50mila firme in tre mesi. Poi, entro sei mesi il tema potrà essere portato all’attenzione ed al voto dei cittadini. E per il quorum basta che votino un terzo degli aventi diritto”. Insomma, Veltroni ancora una volta perde l’occasione per “fare qualcosa di riformista e di europeo”. Richiamato dalle autorità del Vaticano, il sindaco di Roma ha preferito rinviare e non votare la delibera d’iniziativa popolare per istituire nella sua città il Registro delle Unioni Civili, pur sapendo di mettere così in crisi i suoi alleati. Un atteggiamento ancor più incomprensibile se si considera che l’istituzione di tale Registro era inclusa nel programma con cui lo stesso Veltroni si presentò alle elezioni del 2006. Ma ciò ovviamente gli costerà molto in termini di stabilità della sua Giunta e della sua maggioranza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico