Italia

Roma, conclusa la Fiera della piccola e media editoria

Interno della FieraROMA. Si è conclusa domenica, al Palazzo dei Congressi, zonaEur, la 6a fiera della piccola e media editoria di Roma, “Più libri più liberi”, con un bilancio decisamente positivo.

“Accompagnata” quest’anno dallo slogan di Umberto Eco – “i libri da leggere non potranno essere sostituiti da alcun congegno elettronico. Sono fatti per essere presi in mano, anche a letto, anche in barca, anche là dove non ci sono spine elettriche” -, la manifestazione si è nuovamente confermata come l’evento più importante dedicato al libro del centro-sud Italia. Quattrocento espositori, più di 50mila visitatori, 200 appuntamenti, tra presentazioni, dibattiti, conferenze, convegni e incontri cha hanno coinvolto autori, studiosi, personaggi della politica e dello spettacolo legati, in qualche modo, al mondo dei libri. E’ un settore sempre più in crescita quello degli editori piccoli e medi, protagonisti di una realtà dinamica, come dimostrano i dati presentati nel convegno d’apertura: dal 2001 al 2006, gli editori hanno visto aumentare notevolmente il loro fatturato. Il lavoro dei piccoli e medi editori (libero dagli schemi commercializzati degli editori così detti maggiori) si può considerare un misto di capacità artigianali ed imprenditoriali. Sono molti i meriti culturali ed economici, che vengono ascritti alla piccola e media editoria. Per citarne alcuni, la pubblicazione di produzione specialistiche, volte a pubblici di nicchia affezionati e competenti. Il mercato della piccola editoria fa da riferimento per quei titoli che non troverebbero spazio sui banchi delle grandi librerie, facendo sopravvivere generi e forme di produzione letteraria altrimenti destinati a scomparire. Inoltre, grazie al trend di crescita economica, nelle piccole aziende editrici l’occupazione è aumentata del 50% circa dal 2001 ad oggi. Ecco perché la fiera, diventata ormai un appuntamento fisso per gli addetti ai lavori provenienti da gran parte della penisola, è sempre più un invito alla lettura per un Paese come l’Italia che spende sempre meno per attività culturali.

Il Palazzo dei Congressi, Eur, di Roma

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico