Caserta

Vittime della tratta, via al progetto Caracol

la riunione sul progetto CASERTA. Un piano di accoglienza e di assistenza ai minori e alle giovani vittime di tratta e riduzione in schiavitù sul territorio casertano.

È quanto prevede il progetto “Caracol” del ministero dell’Interno, sostenuto con un co-finanziamento dalla Provincia di Caserta e presentato stamane in conferenza stampa dal presidente della Provincia, Sandro De Franciscis, dal presidente dell’Agenzia provinciale sulla Qualità e le Politiche sociali, Vincenzo Mataluna, da Giacomo Smarrazzo e Nunzia Aceto della cooperativa sociale Dedalus, chiamata a realizzare l’iniziativa. “Grazie a questo progetto – ha spiegato il consigliere Mataluna – la Provincia s’impegna concretamente a dare risposte a fenomeni che anche nel nostro territorio hanno assunto dimensioni significative e preoccupanti”. Il presidente De Franciscis ha ricordato che “l’idea di sostenere l’iniziativa è partita nella prima fase dell’esperienza amministrativa, grazie al lavoro dell’assessore alle Politiche sociali Enza Diana”. Nel dettaglio, obiettivo del programma “Caracol” è di individuare le vittime e i loro bisogni, tra cui figurano le persone sfruttate a scopi sessuali, lavorativi, per attività illegali e per traffici di organi o a fini di adozione. “La Provincia – ha aggiunto Mataluna – intende essere il punto di riferimento in materia per tutti gli Enti locali e dopo la fase di sperimentazione puntiamo a coinvolgere anche gli Ambiti Territoriali, con il mondo del volontariato e del Terzo settore”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, De Cristofaro respinge accuse su Eav, buche e luminarie: "Facciamo fatti nel rispetto delle norme" - https://t.co/Wn6kqhMTOC

Trentola Ducenta, trasferimento mercato: per opposizione c'è rischio sospensione e spreco denaro pubblico - https://t.co/77F2Pr6WGy

Aversa, cena di beneficenza alla Salumeria del Seggio con lo chef Gaetano Torrente - https://t.co/1MqrCe3HSz

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Condividi con un amico