Casaluce

Prorogato il commissariamento del Comune

Il Municipio di CasaluceCASALUCE.Il prefetto Mario De Meo, il vice prefetto Stefania Rodà e il dottor Nicola Auricchio guideranno ancora per qualche tempo il Comune.

Probabilmente per altri sei mesi. Ieri il Consiglio dei Ministri ha deciso, infatti, la proroga del commissariamento, su indicazione del Ministero dell’Interno. La notizia è ufficiale sebbene in prefettura, nella giornata di ieri, non sia arrivata alcuna comunicazione. Eppure Pasquale Bruno, segretario cittadino di Forza Italia proprio dalla prefettura durante la mattinata aveva avuto notizia di “una possibile proroga”. Il provvedimento ha suscitato le prime reazioni. A preoccupare l’ulteriore slittamento della data delle elezioni, che si sarebbero dovute tenere la prossima primavera e che invece potrebbero scivolare al 2009. Ma anche la reazione dei cittadini ad un prolungamento dell’assenza di un governo politico preoccupa non poco. Il primo ad esporsi su quest’ultimo punto è Franco Natale. L’ex consigliere di opposizione pensa che “Casaluce ha già dato. Adesso è tempo di tornare al governo del paese. Lo Stato non può decidere per noi. Dopo un anno e mezzo penso che si possa tornare alla normalità. Inoltre se veramente la proroga significa niente elezioni e dunque un controllo sul Comune ancora fino al 2009 questo vuol dire che i problemi di camorra per cui è intervenuta la commissione prefettizia ci sono ancora. Niente sarebbe cambiato e questo potrebbe provocare la reazione incontrollata dei cittadini”. Critico appare il commento del socialista che, infatti, continua: “La commissione per quanto giusta nel suo operare non ha fatto tanto e comunque lo stesso lavoro lo potremmo fare anche noi”. Poi Natale si dice sicuro che questa decisione “non è tendente a far slittare le elezioni. Se così fosse, infatti, la proroga doveva essere di un anno e mezzo. Io penso invece che sia solo necessaria per permettere ai commissari di gestire le elezioni. In effetti gli stessi commissari in una nota avevano segnalato che c’erano ancora molti lavori da fare. Dunque – continua a spiegare Natale – si sarà pensato di lasciare il trio invece di affidare l’incarico di accompagnare il paese alle elezioni un solo commissario che del paese non conosce nulla”. Lineare il pensiero di Natale che però contrasta con quello di Antonio Graziano. “Penso che se si voleva solo avviare un accompagnamento alle elezioni la proroga non sarebbe stata integrale. Le elezioni slitteranno al 2009”. Dello stesso parere sembra essere il dottor Provolo che, anche se non si è espresso in modo definitivo, si è detto comunque scettico sulla possibilità di concludere la campagna elettorale entro la prossima primavera. Più cauto Bruno che attende di conoscere con precisione i tempi della proroga. “Noi avevamo avuto notizia di un accompagnamento da parte dei commissari fino a maggio. Ma se i mesi sono sei allora penso che la data delle elezioni salta”. Questo non sarebbe certo una buona notizia per Bruno, ma neppure per gli altri esponenti politici del territorio. In attesa di una comunicazione ufficiali tutti sembrano essere con il fiato sospeso.

dal Corriere di Caserta, sabato 23.12.07 (di Luisa Conte)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico