Campania

Villa di Briano, salgono a tre i gruppi consiliari

 VILLA DI BRIANO (Caserta). Anomalia nella composizione del consiglio comunale di Villa di Briano. Dal 29 ottobre scorso, data in cui Giordano Bruno ha comunicato al Comune la formazione di un nuovo gruppo consiliare di opposizione, in Assise sono presenti tre gruppi consiliari.

Quello capeggiato da Bruno con il consigliere Saverio Di Tella, quello di Giacomo Maisto e Marcello Cantile ed il terzo formato dal solo ex sindaco Raffaele Zippo. Sì, perché quest’ultimo non ha mai apposto al sua firma di adesione alla lettera della costituzione del gruppo consiliare capeggiato da Maisto. Una semplice formalità che però determina una realtà ben precisa. Questo particolare, sottaciuto ormai da tempo, è pur sempre di grande interesse. Certo lo stesso Maisto ridimensiona il fatto: “E’ stata una mia dimenticanza, ma se domani io porto la lettera d’adesione a Zippo lui non avrà nessun problema a firmarla”. Ma rimane la questione che viene resa ancora più particolare per l’assenza costante dell’ex primo cittadino nell’assemblea pubblica. Raffaele Zippo dall’insediamento della nuova amministrazione non ha mai varcato la soglia della sede del consiglio comunale. Nessun civico consesso ha visto la sua presenza. Eppure di cose da dire e da fare il consigliere di opposizione ne avrebbe, essendo stato lui a reggere il paese per ben due legislature. Ma forse proprio questo è il suo limite maggiore. “Capisco l’imbarazzo di Zippo. Lui che è stato il sindaco per due volte adesso presentarsi in Assise come consigliere di opposizione, in una minoranza dove ci sono due gruppi, non è cosa bella. Ma Zippo continua a fare politica. Noi parliamo e discutiamo insieme per prendere decisioni”, afferma Maisto, che conclude: “E poi non è detto che continui così. Zippo ha deciso di intervenire nella vita politica e di partecipare ai consigli”. Un lume di speranza dunque pare esserci. Forse dopo le vacanze natalizie l’ex sindaco riprenderà a partecipare attivamente alla vita amministrativa del paese e lo farà nella sede idonea, vale a dire in Consiglio.

dal Corriere di Caserta, domenica 09.12.07 (di Luisa Conte)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico