Aversa

“Scricchiola” la maggioranza di centrodestra

CiaramellaAVERSA. Cronache di ordinaria follia nella città normanna con Forza Italia che sembra voler far esplodere i botti di capodanno anzitempo. Scricchiola la maggioranza di centrodestra che regge le sorti dell’esecutivo guidato dal sindaco azzurro Mimmo Ciaramella.

Scricchiola almeno in quella che è la sua composizione tipo con la presenza anche di Forza Italia. Il partito di maggioranza relativa, infatti, sarebbe uscito dall’interpartitico di ieri sera sbattendo la classica porta, dopo essersi visto rispedire al mittente da parte degli (ex?) alleati la richiesta di azzeramento della giunta, pena l’uscita dalla maggioranza del partito di Berlusconi con il conseguente appoggio esterno. Già alla vigilia della riunione, che si è protratta oltre le previsioni della vigilia, i rappresentanti dei partiti più rappresentativi: Udc, Alleanza Nazionale e Gruppo delle Libertà avevano definito “politicamente assurda una richiesta quale quella di azzerare un organismo che non era mai stato messo in grado di operare soprattutto a causa dell’atteggiamento proprio di Forza Italia che con i suoi due assessori spesso era stato più di intralcio che propositiva, soprattutto nei settori in cui erano gli esponenti azzurri a detenere le deleghe per amministrare”. E, di conseguenza, alla riunione di maggioranza i partner di Forza Italia erano giunti con l’intento di farsi “notificare” ufficialmente quella sorta di diktat rappresentato dal documento azzurro e di chiedere tempo per decidere il da farsi, anche in considerazione della delicatezza della situazione. Situazione che, comunque, dovrebbe vedere Ciaramella saldo al timone della giunta visto che avrebbe dalla sua, anche se sette consiglieri azzurri venissero meno, altri sedici consiglieri oltre al suo voto. Ossia 17 su 31, senza contare che qualcuno dei sette azzurri potrebbe anche ripensarci ed appoggiare l’esecutivo. Insomma, l’intero quadro è in evoluzione. Per il rappresentante della Sinistra in consiglio comunale Mimmo Rosato, infine: “Siamo di fronte ad un problema di poltrone e basta. Almeno questa è la mia opinione dopo aver chiesto a qualcuno dei firmatari del documento quale fosse il motivo forte della richiesta di azzeramento. Mi hanno spiegato che Fi non è fatta partecipe di quello che avviene in amministrazione. Se questa, allora, è la motivazione, che c’entra l’azzeramento? Sarebbe solo un problema di rapporti, forse dovrebbero cambiare i loro assessori”. Intanto, Forza Italia ha iniziato la propria guerra al “suo” sindaco. Da ieri mattina, a nemmeno 24 ore dalla sottoscrizione del documento con il quale si chiedeva l’azzeramento della giunta, il coordinamento cittadino degli azzurri ha invitato, attraverso un pubblico manifesto l’amministrazione a ridurre, così come prevede il regolamento comunale Tarsu in caso di mancata raccolta, la tassa comunale del quaranta per cento. Un manifesto che sarebbe dovuto essere frutto dell’opposizione, ma che è, invece, firmato dal partito del sindaco ed in particolare dal coordinatore cittadino degli azzurri Nicola Golia che fino ad un paio di mesi or sono era presidente del Consorzio GeoEco… Quando si dice la schizofrenia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico