Aversa

Ciaramella: “Forza Italia si interessa solo delle nomine”

Domenico CiaramellaAVERSA. “La mia proposta di vedere i sindaci in prima linea nella risoluzione dell’emergenza rifiuti, al di là di ogni steccato ideologico, visto che tutti ci hanno dimenticato, sta sortendo i suoi frutti.

Questa mattina, dopo aver letto le mie dichiarazioni su ‘Il Mattino’, diversi sindaci e qualche difensore civico, anche di diversa estrazione politica, mi hanno telefono nato per incoraggiarmi a continuare su questa strada”. A parlare così il sindaco Ciaramella, a margine della conferenza programmatica del Nuovo Psi tenutasi stamani ad Aversa, all’ex Macello. Il primo cittadino continua: “Del resto, essendo con la coscienza a posto, sono pronto a confrontarmi con tutti gli iscritti di Forza Italia non solo di Aversa, ma della provincia, dopo la nostra scelta alla Geo Eco”.

L’articolo al quale Ciaramella fa riferimento, sempre a cura del sottoscritto e che di seguito riporto, è un grave atto di accusa contro tutti i partiti, ma soprattutto contro Forza Italia che sarebbe presente solo quando ci sono da fare nomine. “Noi sindaci di Forza Italia non siamo disubbidienti perché non c’è nessuno a cui disubbidire. Chi si auto-referenzia credendosi partito non ci può convocare solo nell’immediata vigilia di nomine da fare, dimenticandosi, poi, in tutti gli altri momenti di noi e dei problemi delle comunità che amministriamo”.

Ciaramella ritorna sulla nomina del Cda del Consorzio GeoEco e non risparmia critiche durissime al proprio partito o, almeno, a chi ufficialmente lo rappresenta. “Noi – afferma il sindaco – abbiamo il problema dei rifiuti per strada. Ci siamo dimessi per richiamare l’attenzione. Ma nemmeno dai nostri partiti, di ogni ispirazione, sia ben chiaro, è venuta una parola di solidarietà. Non una telefonata, un intervento. Ci ha salvato il fatto che siamo stati tutti uniti. Ormai non ci convochiamo più, quasi quotidianamente ci incontriamo, la sera, presso il GeoEco. Ci siamo pure presi le critiche di Paolo Romano che, purtroppo per lui, parla senza avere esperienza amministrativa di un comune”. “Tutti assenti e poi, come d’incanto, Forza Italia il giorno prima delle nomine ci convoca per le nomine. Per errore a me la convocazione non è pervenuta, ma, comunque, non ci sarei andato. Non si può pretendere il giorno prima di fare il partito e le strategie. Andiamo a riunioni presso l’amministrazione provinciale in ordine sparso, senza che nessuno si sia mai degnato di coordinare gli amministratori di Forza Italia per adottare una strategia comune. Ma, poi, mi chiedo: chi è il partito? Si parla di personalismi alla GeoEco, ma io credo che i personalismi siano in Fi, dove ognuno si auto-referenzia”.

Il sindaco azzurro chiarisce anche perché solo lui ed Enrico Martinelli di San Cipriano abbiano sottoscritto la lista al GeoEco e rivela: “Al Consorzio tutti i sindaci, e dico tutti, abbiamo sempre fatto un percorso comune. Per quanto riguarda Fi, oltre a me e ad Enrico, anche i sindaci di Capua e Casal di Principe erano d’accordo. Ho proposto loro di non sottoscrivere la lista formalmente per evitare un ampliamento delle responsabilità di aver disatteso i diktat”. “Quando mercoledì sera, dopo la votazione, – continua Ciaramella per ribadire la sua appartenenza alle fila azzurre – varcai il portone del Consorzio, giurai a me stesso che sarei andato in silenzio stampa perché temevo che si sarebbero avute cascate di dichiarazioni soprattutto da parte dei miei amici di partito. In questo momento dove ognuno vorrebbe vedermi da qualche altra parte, ribadisco di trovarmi bene in Fi, sono di Fi, dove io posso pensare con la mia mente. Ogni altra affermazione fa parte delle illazioni e chi non mi vuole in Fi deve cacciarmi perché non ho alcuna intenzione di andarmene”.

Econclude: “Ora il presidente della GeoEco è di centrodestra e faccio una richiesta: lasciatelo lavorare in pace e vedrete che riuscirà dove anche “gli scienziati” hanno fallito”. A Sagliocco dice: “Abbiamo fatto questa volta quello che lui ci ha guidato a fare l’altra volta al GeoEco. Peppino è un politico di razza ed ho apprezzato la sua dichiarazione secondo cui GeoEco e comune di Aversa sono su due diversi livelli e, quindi, non ci saranno ripercussioni”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico