Italia

Omicidio Perugia, accuse sul blog dell”indagato

Meredith KerchnerPERUGIA. Gli assassini di Meredith Kercher avrebbero finalmente un volto. Oggi sono stati fermati Amanda Marie Knox, 20 anni, coinquilina americana della vittima, il suo fidanzato italiano Raffaele Sollecito, 24, e lo zairese Lumumba Diya, 38, che lavora in un bar frequentato da universitari.

Raffaele SollecitoDurante gli interrogatori la 20enne americana sarebbe caduta più volte in contraddizione. Sollecito è originario di Giovinazzo (Bari). E’ orfano di madre. Suo padre, Franco Sollecito, è un noto urologo, partito subito per Perugia alla notizia del fermo del figlio, accompagnato da un amico di famiglia, Tiziano Tedeschi, avvocato penalista. Per il prossimo 15 novembre è fissata la sua seduta di laurea.

Proprio su di lui ora sta scoppiando la rabbia sul web. Il 24enne ha un blog, dove sono pubblicate foto ma anche alcuni pensieri sparsi, ed è proprio qui che il popolo di internet ha utilizzato lo spazio dei commenti per sfogare la propria rabbia verso il presunto colpevole. Un commento anonimo scrive: “Uno normale compra e colleziona armi da taglio? Riporto nuovamente il suo commento ad una delle foto ‘una minchia (riferita ad un amico, ndr) armata col mio coltello preso a Barcellona’”. Bing scrive: “Non serve essere stato materialmente quello che ha impugnato il coltello per essere un assassino. La complicità, anche solo l’omertà, dietro una tentata violenza sessuale e uno sgozamento è disgustosa, ripugnante”. C’è anche un commento in difesa da parte di un collega universitario: “Andateci con molta calma, Raffaele è un collega e amico di università qua ad informatica (Perugia) ed è sempre stato un tipo estremamente calmo. Non possiamo immaginare che tutto ciò sia vero! Non è un assassino :)”. Il blog, inoltre, contiene varie foto, tra cui quella dello stesso Sollecito avvolto da carta igienica con una mannaia in mano (nella foto), e quella di un suo compagno con un coltello in bocca acquistato dall’indagato a Barcellona.

Raffaele Sollecito

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico