Campania

Racconti e Canzoni, nuove prospettive di lotta alla mafia

Peppino Impastato SANTA MARIA C.V. (Caserta). L’amministrazione comunale di Santa Maria Capua Vetere, in collaborazione con l’etichetta “Storie di Note” e il Comando di Polizia Municipale della città, presenta “Racconti e Canzoni – Verso Nuove Prospettive di lotta alla mafia”.

L’iniziativa, che rientra nell’ambito delle attività previste dal progetto di sicurezza urbana integrata “Sicurezza e Legalità”, cofinanziato dalla Regione Campania, dall’Assessorato alla Sicurezza delle Città e dall’amministrazione comunale di Santa Maria Capua Vetere, punta all’approfondimento di tematiche legate alla lotta contro la criminalità organizzata con l’arte intesa come fusione tra musica e poesia.

L’appuntamento si terrà lunedì 3 dicembre al Teatro Garibaldi, con inizio alle ore 19. Si avrà un dibattito pubblico con la partecipazione dell’onorevole Francesco Forgione, presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, dell’avvocato Andrea Abbamonte, Assessore della Regione Campania alla Sicurezza delle Città, di Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato (attivista ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978) e vicepresidente del Centro Impastato, dell’onorevole Giuseppe Stellato, consigliere regionale, e di Giancarlo Giudicianni, sindaco di Santa Maria Capua Vetere. La discussione sarà incentrata sulla ricerca di nuovi approcci nell’impegno contro la mafia, che tengano conto delle sue sfaccettature e della sua crescente capacità di infiltrazione nei settori dell’economia e della politica. Il dibattito vedrà il contributo di una figura come quella di Giovanni Impastato che da trent’anni continua nel suo percorso finalizzato all’abbattimento della cultura mafiosa e alla ricerca di una nuova fase nella lotta alla criminalità organizzata, che possa partire dal basso, dall’attività e dall’esperienza di ogni singolo cittadino.

Seguirà all’incontro, al culmine della serata, “Racconti e Canzoni”, uno spettacolo ad ingresso gratuito del cantautore Pippo Pollina, che ha fatto della sua espressione artistica una forma di impegno sociale, ritraendo figure note per la loro resistenza civile (Salvador Allende, Paolo Borsellino, Giuseppe Fava, lo stesso Peppino Impastato). Pollina, che dopo aver lavorato alla redazione de “I Siciliani”, il noto giornale redatto da Giuseppe Fava e dal suo gruppo, ha lasciato la sua amata Palermo per intraprendere un lungo percorso di ricerca personale e musicale, con le sue note intreccerà storie e vissuti, esperienze personali con verità universali, aprendo una nuova dimensione “live” dove ogni canzone sarà legata a doppio filo con il pubblico, che vivrà l”enunciazione di ogni episodio come una scena di un film di cui non importa conoscere né l”inizio né la fine.

Nella mattinata del 3 dicembre, inoltre, ad introduzione della giornata si svolgerà alle ore 11 un incontro di Giovanni Impastato con gli studenti delle scuole superiori della città di Santa Maria Capua Vetere presso l’Aula Magna dell’ Istituto Tecnico Commerciale “Leonardo Da Vinci”. L’incontro è organizzato per dare continuità all’esperienza fatta in Sicilia, nello scorso mese di maggio, da una delegazione interdisciplinare di studenti delle scuole samaritane, nell’ambito di altre iniziative previste dal Progetto di Sicurezza Urbana integrata, denominate “Premio per la legalità. Destinazione sociale dei beni confiscati alle mafie” e “Turismo responsabile”. Un percorso singolare e avvincente di educazione alla legalità che è culminato con un viaggio premio presso le Aziende e le Cooperative Sociali impegnate nella gestione dei beni confiscati alla mafia, che ha portato una delegazione di giovani studenti di Santa Maria Capua Vetere ad incontrare le donne, gli uomini ed i luoghi della lotta alla mafia e dell’impegno civile, oltre che a prendere coscienza delle opportunità di sviluppo offerte dal recupero e dalla destinazione sociale dei beni confiscati alle mafie.

www.peppinoimpastato.com

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico