Aversa

Differenziata “fai da te” degli studenti dello Scientifico

Il Liceo Scientifico AVERSA. “Ciò che vogliamo è anzitutto una presa di coscienza da parte di noi giovani”. Questo l’incipit di www.noiununicavoce.com, un sito web realizzato da studenti del liceo scientifico “Enrico Fermi “, che si sono uniti con “un”unica voce per tutelare la nostra salute e quella altrui data la tragica situazione in cui ci troviamo da molto tempo”.

Ma c’è di più: il Fermi si impegnerà a raccogliere alluminio, carta e plastica in modo differenziato ed alcune aziende presenti sul territorio garantiranno il prelievo periodico delle quantità accumulate. Una soluzione pratica, a costo zero. I benefici della raccolta solidale? Tanti: innanzitutto il contributo al miglioramento dell”ambiente, poi la sensibilizzazione dei ragazzi e, non da ultimo, profitto per l”industria di settore. Il progetto provocatorio, nato dall”idea di un gruppo di docenti, sostenuti dal dirigente scolastico Umberto Mazzarella, è già cominciato nei giorni scorsi. “Questo progetto non è rimasto inter nos – spiega Antonella, una delle promotrici dell’iniziativa masi è esteso anche agli studenti delle altre scuole e a persone esterne all”ambiente scolastico perchè è l”iniziativa del cittadino libero che vuole vivere in un mondo migliore. Chiunque può partecipare alla nostra iniziativaiscrivendosi al sito http://www.noiununicavoce.com/ e controllando periodicamente la sezione news dove verranno riportate tutte le attivitàin progetto. Sabato scorso, ad esempio, ci siamo riuniti a scuola perraccogliere materiale cartaceo all”interno dell”istituto ed affidarlo per il riciclo alla ditta Erreplast di Gricignano. Dunque il liceocontratterà con varie ditte che riciclerannocarta, alluminio e plastica, volendo essere un esempio per le altre scuole o enti privati quali condomini e parrocchie. Siamo alquanto ottimisti – conclude Antonella – e crediamo che questo sia un progetto che portialla difesa ambientale ma soprattutto alla sensibilizzazionedi tutti noi”.

Guarda il Video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico