Italia

Mastella a Santoro: “Il Ku Klux Klan dell’informazione”

Mastella Mastella pronto ad attivare tutti gli strumenti parlamentari necessari per sfiduciare il cda della Rai, ritenendosi vittima di un linciaggio mediatico, con riferimento particolare alle trasmissioni “Annozero” e “Ballarò”.

“O la Rai si dà regole di comportamento, oppure sfiduceremo il suo cda”, ha detto il ministro della Giustizia in una conferenza stampa convocata stamani. Una reazione, quella del Guardasilli, scatenatasi all’indomani della puntata di “Annozero”, in cui ha preso la parola il pm di Catanzaro, Luigi De Magistris, che indaga sui rapporti tra imprenditori e politici, per il quale Mastella ha chiesto al Consiglio Superiore della Magistratura il trasferimento. “A me non piace il magistrato etico. Il mestiere può creare anche malcontenti. – ha detto De Magistris – Sono sotto ispezione da circa 3 anni: questo comporta da un lato la bontà del lavoro investigativo e processuale che uno sta facendo dall’altro significa che io da circa un paio d’anni trascorro il sabato e la domenica a dovermi difendere”. Durante la trasmissione di Raidue, condotta da Michele Santoro, a favore di De Magistris si è schierata il gip di Milano, Clementina Forleo: “Sta subendo intimidazioni, pressioni, per aver scoperchiato pentole che non doveva scoperchiare”.

Michele SantoroMastella si è detto “bersaglio costante” di Santoro, rincarando la dose: “Questo non è giornalismo, non è servizio pubblico. Questi signori sono il Ku Klus Klan dell’informazione italiana”. E riferendosi alla sola presenza in studio del suo sottosegretario Scotti: “Non ci possono essere luoghi in tv in cui si possa dire di tutto contro una persona e dove il diritto di replica è affidato ad una sola persona contro dieci”. Alla domanda se una eventuale mozione di sfiducia verso il cda Rai possa essere presentata al Senato, dove la maggioranza può contare su due soli voti di scarto, il ministro ha risposto: “Si la potremmo presentare proprio al Senato, dove i numeri ballano…”.

Guarda il video

Sulla polemica interviene il presidente del Consiglio, Romano Prodi, che difende Mastella: Ho letto i resoconti sulla trasmissione di Annozero di ieri sera. Mi sembra che non vi si possa riscontrare nulla della serietà, della professionalità e della appropriatezza che dovrebbe avere una trasmissione che riguarda la giustizia”.

Santoro respinge le critiche: “Mi auguro che prima di criticare una trasmissione, la si veda. Comunque ci sta anche questo, ci stanno le critiche. Io ho fatto la mia trasmissione: gli altri sono liberi di commentarla come vogliono, rispetto le loro reazioni. Se c’è stato un processo? Ma questo è il vocabolario della politica, che usa termini come processo, piazza, linciaggio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico