Carinaro

Impreco, Barbato: “Svanita un’altra opportunità per i giovani

Giuseppe BarbatoCARINARO. Caso “Impre.Co.”, è la volta di Giuseppe Barbato. Dopo le dichiarazioni dell’ex sindaco e attuale consigliere d’opposizione Tommaso Comparone, che ha definito il fallimento del consorzio “Impre.Co.” un vero e proprio disastro per Carinaro, oggi prende la parola un altro esponente dell’opposizione, il battagliero consigliere Giuseppe Barbato.

Il mastelliano, lo ricordiamo, si è sempre interessato alle sorti del cosiddetto Polo della Moda, un interesse testimoniato, tra l’altro, dalle lettere che ha personalmente inviato al Prefetto (nel 2005) e al Presidente del Consiglio, Romano Prodi, (nel 2006) per chiedere delucidazioni circa la realizzazione del consorzio. “A quanto pare – ha esordito un amareggiato Barbato – del faraonico progetto industriale, che tanto sviluppo e tanto lavoro doveva garantire alle nostre zone, non restano che chiacchiere e montagne di carta. Non posso non pensare a quanti, dopo aver acceso le speranze di centinaia di giovani carinaresi circa le prospettive di lavoro che il consorzio avrebbe portato, oggi, invece, si augurano che esso non diventi un altro cimitero industriale. Farebbero bene a stare zitti! Altro che scongiurare il cimitero industriale – ha tuonato il consigliere – qui ormai già stanno camminando gli zombie! E come non pensare ai finanziamenti regionali per la formazione professionale dei nostri giovani alla partenza del consorzio? Tutto svanito, tutto da dimenticare! Voglio esprimere la mia solidarietà ai tanti giovani beffati e alle maestranze locali che vedono svanire un’opportunità di lavoro, alle imprese che ancora non sono riuscite a recuperare i loro crediti, ai tanti coloni mortificati che, chissà da chi, furono convinti ad accettare i prezzi imposti dal consorzio. Infine, – ha concluso Barbato – voglio invitare tutti gli amministratori, me compreso quindi, a riflettere su quanto accaduto perché forse non siamo stati all’altezza di garantire al meglio i cittadini di Carinaro, soprattutto i giovani, i disoccupati e i coloni”.

da Il Giornale di Caserta (di Antimo Dell’Omo)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico