Aversa

Partiti sull’orlo di una crisi di nervi

Domenico CiaramellaAVERSA. Se Sparta piange, Atene non ride di certo. Questo simbolismo calza a pennello con l’attuale situazione dei partiti ad Aversa, soprattutto quelli di maggioranza che, di fatto, non trovano equilibrio interno.

Le contestazioni in merito all’operatività degli assessori sono, da mesi, all’ordine del giorno. In più di un’occasione, alcuni consiglieri di maggioranza non hanno nascosto in pubblico la difficoltà di colloquio con gli assessori di riferimento. Queste sembrerebbero le imputazioni a carico degli esponenti dell’esecutivo Ciaramella: poca presenza in comune, altrettanto pochi i progetti conclusi a 5 mesi dall’insediamento in consiglio comunale, troppa voglia di protagonismo e di presenzialismo, soprattutto sulla stampa locale. In sintesi, poca voglia di lavorare. Sotto i riflettori sembra ci siano l’assessore al verde pubblico Antonio Di Santo, espressione della lista civica “Aversa Popolare”, e l’assessore all’ambiente Nicola Palmieri, della civica “Popolari Normanni”. Insomma, gli assessori che rappresentano di fatto le aree meno tutelate della maggioranza in consiglio. Ma aria di tempesta tira anche in Alleanza Nazionale dove convivono da mesi due anime: i consiglieri comunali da una parte e il direttivo cittadino dall’altra. Voci interne parlano di un una rottura senza precedenti caratterizzata dalla mancanza di dialogo tra i due assessori Gino della Valle e Giampaolo Dello Vicario e il direttivo cittadino guidato da Antonio Schiavone, tanto che gli stessi consiglieri comunali alleanzini sembra stiano aspettando la fine dell’anno per “festeggiare” il congresso cittadino e la nomina del nuovo segretario. Non c’è che dire, a memoria non si ricorda una maggioranza tanto frastagliata, neanche quando all’opposizione c’erano più degli attuali tre rappresentanti. Forse, l’idea di un consiglio comunale “allargato” non è stata provvidenziale per il sindaco Ciaramella, ancora troppo impegnato a districarsi con i problemi tutti interni al suo partito, ed ora alle prese anche con i problemi legati ad assessori poco graditi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico