Aversa

Molestano due ragazze, rissa al pub

CarabinieriAVERSA. Rissa da saloon la notte tra sabato e domenica in un noto locale situato nei pressi della stazione ferroviaria. A scatenarla sarebbero stati due giovani tra i diciannove e i venticinque anni che hanno importunato delle ragazze nella toilette delle donne.

L’episodio la notte tra sabato e domenica al Drengot, un discobar sempre affollato nei weekend. I due ragazzi che avrebbero innescato la miccia della megarissa infilandosi nei bagni delle donne, si sono definiti «casalesi». Sono riusciti a fuggire via prima dell’arrivo della polizia e dei carabinieri. Secondo alcune testimonianze, uno dei due, alto e bruno, rimasto ferito alla mano destra durante il litigio, indossava un giubbotto senza maniche, rosso con pelliccia marrone. L’altro era basso con capelli corti e indossava un piumino bianco. Entrambi complici di un’azione degna di essere definita «raid». Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i due avrebbero cercato diavvicinare due ragazze che sostavano nei bagni allungando anche le mani. Alla richiesta di aiuto delle giovani, sarebbe intervenuto un coetaneo che stava uscendo dalla sua cabina. Da lì è nato un primo scontro verbale segnato da offese e intimidazioni: «Siamo di Casal Di Principe», avrebbe detto il ragazzo con il gilet rosso. Brevissimo il passo che ha portato alle mani e poi alla inevitabile rissa che ha coinvolto una decina di persone. Il locale si è improvvisamente svuotato di clienti, mentre il titolare del Drengot cercava di dividere le due fazioni che intanto stavano danneggiando porte e tavoli. I due attaccabrighe sono riusciti a fuggire, nessuno ha avuto il coraggio di fermarli temendo che fossero armati. Non si esclude che siano stati ripresi da telecamere interne al locale. I carabinieri e la polizia hanno verbalizzato le testimonianze delle vittime aprendo, probabilmente, un fascicolo di indagine. La verità è che ogni fine settimana, come da copione, si registrano risse nel centro di Aversa.

Il Mattino (Marilù Musto)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico