Italia

“Il Sistema Italia marcio in tutte le sue componenti”

 “Combattendo le mafie e le illegalità, con la cognizione di causa acquisita e con le ritorsioni subite, posso affermare: ‘Il Sistema Italia’ è marcio in tutte le sue componenti sociali ed istituzionali, nessuna esclusa”. Lo afferma il dottor Antonio Giangrande, presidente dell’Associazione contro tutte le Mafie.

“Alle denunce penali presentate da giurista – continua Giangrande – è conseguito ingiustamente il reato di calunnia e sempre l’insabbiamento giudiziario. Agli articoli di denuncia redatti da pubblicista è conseguito il reato di diffamazione e di violazione della privacy dei delinquenti. Agli articoli di denuncia redatti da giornalista è conseguito il reato di violazione del segreto istruttorio, quando la notizia non era passata sottobanco dall’ambiente giudiziario. Agli studi sociologici pubblicati da ricercatore è conseguito l’illecito civile del mancato compenso a titolo di diritto d’autore degli articoli di stampa citati. Nonostante tutti gli impedimenti citati, da mie e altre coraggiose inchieste giornalistiche e non giudiziarie, si è provato che i nostri parlamentari sono: pregiudicati, drogati, evasori fiscali, ignoranti, falsi, voltagabbana, vecchi, insabbiatori e puttanieri. Tenendo conto che il Parlamento è lo specchio della società civile italiana e che gli italiani hanno i rappresentanti che si meritano, a questo punto non farei una rivoluzione, che nessuno vuole, nemmeno la massa che prima ti applaude e poi ti lascia solo. A me basterebbe avere in Parlamento non solo tutori di lobby, caste e furbi, ma qualcuno che rappresentasse, veramente e non solo a parole, gli interessi e le aspettative dei disabili, dei disoccupati, dei carcerati e delle vittime del crimine. A me – conclude il presidente dell’associazione – basterebbe che i partiti non fossero proprietà occulta o palese di qualcuno, ma veri strumenti di emancipazione sociale ed economica con perenne ricambio generazionale di competenze. Quindi, il V-Day, va dedicato a tutti o a nessuno”.

www.associazionecontrotuttelemafie.org

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico