Italia

Domande “scomode” a Kerry, arrestato studente

Lo studente allontanato e arrestato perchè faceva domande Se in Italia il rapporto tra cittadini e forze dell’ordine non è che sia oltremodo “felice”, in America non si può di certo dire il contrario.

La più grande democrazia del mondo, garante dei diritti di tutti, pare alle volte impantanarsi sul terreno sabbioso di domande “non regolamentari”. L’esperienza negativa, in tal senso, è capitata ad Andrew Meyer, uno studente 21enne, che nel corso di un dibattito organizzato dall’università della Florida, aveva “osato” porre domande scomode al senatore John Kerry, rivale di Bush nelle elezioni presidenziali del 2004. “Perché non ha chiesto l’impeachment di Bush?”, e poi “Ha mai fatto parte della società segreta Skull & Bones?” (ispirata a rituali massonici).

i poliziotti immobilizzano il 21ennei poliziotti afferrano lo studente per allontanarloIl video – toccante per la ferocia con cui lo studente viene trattato, arrestato ed immobilizzato – testimonia un atteggiamento a dir poco censorio, da parte delle forze dell’ordine. Prima in due, poi in quattro, i poliziotti si avventano sul giovane, anche dopo che il senatore Kerry – forse conscio della carica eccessiva dei poliziotti – cerca di calmarli: “Va bene, va bene, risponderò alle sue domande!”. Nel video, si sente più volte il giovane urlare “What do i do” (Cosa sto facendo?), Help! (aiuto)”, dal momento che, una volta a terra, sul giovane vengono reiterate le scariche della pistola elettrica usata dai poliziotti.

Che cosa significa democrazia? Significa pari diritti per tutti, oppure questo principio può ritenersi valido solo quando non intacca eminenti personalità che questo principio non rispettano? E qualora si parlasse della “tutela” di un senatore americano (le presunte minacce si esprimono nell’ordine di un paio di scomode domande), qual è il limite oltre il quale le forze dell’ordine non possono spingersi? In casi come questi, pare che il limite, abbondantemente superato, non ci sia. Tutto si riduce alla Il 21enne mentre viene allontanatogiustificazione finale del gesto come risposta alle minacce all’incolumità del senatore. Chiunque veda il video non può non constatare gli abusi da parte delle forze dell’ordine.

L’università ha nel frattempo avviato un’indagine interna: “Cercheremo di capire se sono state seguite tutte le procedure del caso, in particolare riguardo all’uso del Taser”. Denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e disturbo della quiete, Meyer è stato arrestato. I suoi amici, dal loro sito internet, hanno invitato gli studenti a manifestare.

Guarda il Video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico