Caserta

Differenziata, vertice dei Comuni del Ce1

Lassessore provinciale allAmbiente, Maria Carmela CaiolaCASERTA. L’assessore provinciale all’Ambiente, Maria Carmela Caiola, ha presieduto ieri la prima riunione della campagna di ascolto e confronto con i Comuni, programmata dalla Provincia per pianificare la raccolta differenziata in vista della costituzione dell’Ambito territoriale ottimale (Ato) per i rifiuti.

Nella sede di villa Vitrone sono stati ospitati sindaci e amministratori dei Comuni afferenti al consorzio Caserta 1 (alto casertano): Roccaromana, Galluccio, Riardo, Alife, Baia Latina, S.Angelo d’Alife, Presenzano, Pietravairano, S.Potito Sannitico, Fontegreca, Valle Agricola, Ciorlano, Letino, Gallo Matese, Pratella, Vairano Patenora, Piedimonte Matese, Capriati al Volturno, Gioia Sannitica, Pietramelara. Erano presenti inoltre i consiglieri provinciali Renato Ricca e Enzo Di Franco, il dottor Costarella del Conai, Matteo Palmisani della Lipu, Poldo Coleti e Francesco Pascale di Legambiente, il presidente del consorzio Ce 1, Gianluigi Santillo. L’assessore Caiola ha chiesto a ciascun Comune l’impegno a realizzare un’isola ecologica nel proprio territorio. “Il problema principale in provincia di Caserta come nel resto della Campania – ha spiegato Caiola – è la carenza impiantistica. Una svolta ci sarà finalmente con l’avvio dell’impianto di compostaggio di San Tammaro, previsto per la fine dell’anno, che avrà una capacità di 31.000 tonnellate annue”. Il Conai ha illustrato il più efficace modello di raccolta differenziata da attuare, offrendo piena collaborazione agli Enti locali. Gli incontri con gli altri Comuni di Terra di Lavoro sono già programmati per il 2, il 5 e il 10 ottobre.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico