Campania

San Marcellino, Carbone aderisce all’Italia dei Valori

Pasquale CarboneSAN MARCELLINO (Caserta). Strette di mano, abbracci e baci nella sede dell’Italia dei Valori in via Patturelli a Caserta per salutare il nuovo acquisto del partito: il sindaco di San Marcellino Pasquale Carbone.

Nella tarda mattinata di ieri il segretario provinciale Luigi Passariello ha fatto gli onori di casa nella riunione indetta per presentare ufficialmente la new entry del partito. Presenti nella piccola stanza della sezione, al tavolo di rappresentanza, il senatore Nello Formisano, coordinatore regionale del partito di Di Pietro, il vicepresidente provinciale Beniamino Sassi, il responsabile degli Enti Locali Nello Di Nardo, l’onorevole Americo Porfidia, sindaco di Recale (unico sindaco dell’Italia dei Valori in provincia di Caserta, almeno fino a ieri) nonché ex segretario provinciale del partito. C’erano poi molti consiglieri regionali, tra i quali Roberto Massi, che ha manifestato il suo piacere per l’adesione di Carbone al partito, ma ha anche sottolineato “che le adesioni che stanno arrivando al nostro gruppo dimostrano che stiamo lavorando bene e che il nostro intento di riportare i cittadini ai valori etici della politica sta risultando vincente”. Auguri e dimostrazioni di stima sono arrivati al sindaco di San Marcellino da tutti i rappresentanti intervenuti alla conferenza stampa. Il vicepresidente Sassi ha voluto sottolineare anche il pieno convincimento di Carbone di entrare nel partito: “Il nostro partito è aperto. Ma non ha ufficiali da il tavolo di presidenzadifendere – ha sostenuto con orgoglio Sassi – e l’accoglienza al nostro partito è proporzionale ai motivi di convincimento dimostrati. Non si entra – ha concluso – per interessi”. Questo principio è stato ripetuto da tutti quelli che hanno preso la parola: trasparenza, legalità e vicinanza ai cittadini sono i pilastri che reggono il partito. Un partito che vuole costituirsi come una grande famiglia. “Abbiamo voluto costruire dal movimento un partito che sia fatto da uomini legati da amicizia, perché il nostro vuole essere una sorta di famiglia nella quale si perseguono certo interessi puliti e buoni, ma soprattutto, al centro del nostro interesse, c’è la volontà di creare rapporti umani autentici”. Questo ha detto Formisano, a conclusione della conferenza, riprendendo anche l’indicazione del sindaco Porfidia, che ha focalizzato il suo intervento proprio sui rapporti di amicizia che ci sono, o che dovrebbero nascere, nel partito e sul fatto che “il partito non ha altro da dare se non valori”. Primo tra tutti quello “di stare vicino alla gente”. “Questa è una famiglia basata sui rapporti umani e personali – ha concluso Porfidia esprimendo la sua fiducia in Carbone: “Sono convinto del grande contributo di Carbone, che ha riflettuto un anno prima di aderire al partito”. Una riflessione che l’avvocato Carbone ha voluto comunicare con i presenti ieri mattina. Il sindaco ha infatti preso la parola e, visibilmente emozionato ha raccolto tutti i complimenti e gli auguri e sulla stessa lunghezza d’onda degli interventi che lo hanno preceduto, ha esposto le ragioni della sua scelta. “Mi sento veramente in famiglia oggi” – dice Carbone prima di fare un breve excursus della sua storia politica e personale. Avvocato da 20 anni, sposato con tre figli maschi, sindaco di San Marcellino da circa due anni, Pasquale Carbone si è definito “libero pensatore della politica”, almeno fino a ieri. “Ora – ha dunque spiegato – ho aderito all’Italia dei valori perché ho rivisto nel partito gli stessi principi che erano alla base del gruppo socio-politico-culturale di Uniti per Cambiare che mi ha seguito nella mia ascese al potere del Comune. Un partito al servizio degli uomini al quale chiedo ed imploro un costante impegno per la mia terra, per il sud della provincia di Caserta, che non è sempre e solo camorra”. Il Carbone durante il suo interventosindaco ha chiesto al partito che lo appoggi affinché nel suo comune ma anche in tutto l’agro ci siano “investimenti, forza lavoro e quant’altro per superare le condizioni di disagio nelle quali anche io mi trovo spesso ad operare”. Ma, in cambio, Carbone ha promesso che è e sarà “sempre obbediente al partito. Non perseguirò conquiste personali ma solo il bene del gruppo, perché l’Italia dei Valori non è una scelta di potere, finalizzata alla conquista di qualche poltrona. Io ho la cultura del lavoro – ha sottolineato Carbone – e lavorerò per portare i valori del partito a Caserta, nell’Agro Aversano, in Campania, Italia nel mondo”. Un richiamo agli articoli 3 e 16 dell’atto costitutivo del partito di Di Pietro sono poi serviti al sindaco Carbone per motivare ancor più la sua decisione. Non è dunque mancato il passaggio al “forte senso di legalità che viene richiamato nell’articolo 16 che rimanda alla legge per definire il suo operato”. La conferenza si è conclusa con i ringraziamenti del sindaco a tutti i presenti. Ma prima del saluto finale il senatore Formisano ha indicato alcuni dati, anche a livello nazionale, per confermare la crescita del partito e ha puntualizzato il fatto che “L’Italia dei Valori a Caserta rappresenta il fiore all’occhiello del partito e la decisione di Carbone di aderirvi e la nostra volontà di accogliere la sua adesione dimostrano ancora una volta la nostra crescita e fanno la differenza”. Una differenza sottolineata ancora dal senatore: “Oggi a Caserta sarà ufficializzato un altro passaggio in un altro partito. La differenza la fanno però le persone”. Non lo ha detto ma evidente era il riferimento all’ufficializzazione del passaggio del consigliere regionale ed ex sindaco di Orta di Atella Angelo Brancaccio nell’Udeur. Ieri sera, infatti, l’ex diessino insieme al ministro Clemente Mastella era all’hotel Vanvitelli per comunicare ufficialmente la sua adesione. Un’adesione che porta con sé altre iscrizioni: oltre ai già ufficiali Raffalele Cammisa di Sant’Arpino, Ulisse Farese di Frignano, Nicola Cavaliere di San Tammaro e Salvatore Principe di Gricignano (tutti ex segretari Ds), nell’Udeur potrebbero confluire con molta probabilità gran parte dei consiglieri di maggioranza del comune di Orta di Atella.

…e Basco a breve lo potrebbe seguire…

i consiglieri di San Marcellinoi consiglieri di San MarcellinoTutti i consiglieri di maggioranza di San Marcellino erano presenti ieri mattina alla conferenza stampa per ufficializzare l’adesione all’Italia dei Valori del proprio sindaco. Un ringraziamento Pasquale Carbone lo ha rivolto anche a loro per “la vicinanza anche fisica che sempre mi hanno dimostrato”. Una vicina che potrebbe diventare ancora più forte con la possibile adesione di parte di loro all’Italia dei Valori. Non lo conferma ma nemmeno lo smentisce il sindaco. “Ogni decisione deve nascere da una riflessione personale. E poi nessun passaggio deve essere offuscato. Questa di oggi era la mia scelta. Se ce ne saranno altre saranno presentante con tutta l’importanza che merita”. Ma a pensare ad una possibile adesione nell’Italia dei Valori non ci sono solo gli uomini di governo di Carbone. La presenza alla conferenza, presenza sottolineata anche da Carbone, del consigliere provinciale Mario Basco non è passata inosservata. Il consigliere, ex esponente dei Verdi passato poi ai Ds, dai quali da tempo si è allontanato, è al momento indipendente e deve “fare una scelta”, come da lui stesso sostenuto. Una decisione che ha “una scadenza naturale”, quella del 14 ottobre, data delle primarie per il Partito Democratico. Non è ancora certo, ma sta “riflettendo” il consigliere e non si esclude che tra una ventina di giorni anche lui sia seduto nella sezione del partito non come spettatore ma come attore principale della riunione. In quel caso l’Italia dei Valori potrebbe contare un consigliere in più in Provincia, così come oggi conta non più un solo sindaco ma due nella provincia di Caserta. E poi ancora. Sì, perché, come ha riferito il sindaco Carbone alla fine della conferenza, “raggiungere un risultato è sempre un inizio”. Ed allora si inizia da qui. Probabilmente per “portare i valori del partito nell’Agro Aversano, a Caserta, in Campania, in Italia, nel mondo”. Che il sindaco Carbone stia pensando a qualche candidatura?

dal Corriere di Caserta, sabato 22.09.07 (di Luisa Conte)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico