Italia

Arrestata la primula rossa Marina Petrella

Marina PetrellaPARIGI. È stata arrestata ieri a Parigi la brigatista italiana Marina Petrella. A darne l’annuncio è stato il ministero della giustizia francese, che in una nota ha precisato che sulla stessa pende anche una richiesta di estradizione dell’Italia.

La Petrella, latitante dal 1993, era stata inizialmente condannata a 14 anni di reclusione, trasformati poi in appello all’ ergastolo, per il processo Moro-Ter, per le azioni compiute dalle Brigate Rosse tra il1977 e il 1982 a Roma. La donna era sposata con il brigatista Luigi Novelli e successivamente legatasi ad un algerino dal quale ha avuto anche una figlia. Prima di confluire nel 1976 nella colonna romana delle Brigate Rosse, la Petrella, sorella del brigatista Stefano, era impiegata come segretaria in una scuola. Il blitz è scattato nella notte di ieri, alla vigilia del compleanno della “primula rossa”, che giovedì compie 53 anni. La brigatista è stata trattenuta, secondo quanto affermato delle autorità d’Oltralpe, in virtù di un mandato d’arresto provvisorio emesso dalle autorità italiane. La donna comparirà oggi stesso davanti al tribunale di Pontoise, che le potrebbe notificare lo stato di fermo, come previsto dalla procedura d’estradizione, su richiesta delle autorità italiane.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico