Caserta

Roano: “Quando le bugie hanno le gambe corte”

Antonio RoanoCASERTA. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Antonio Roano inviata al presidente provinciale dei Verdi, Enzo Falco, al presidente regionale, onorevole Tommaso Pellegrino, agli iscritti del circolo Verdi di San Nicola la Strada.

Lo scopo di questa comunicazione è quello di invitare l’opinione pubblica, gli iscritti della sezione e gli appartenenti al partito, così come gli altri partiti e gli organi di stampa, a non tenere in alcun conto il presunto commissariamento della sezione dei Verdi di San Nicola la Strada da parte del Presidente provinciale Sig. Enzo Falco perché illegittimo ed infondato. Ho invitato lo stesso Sig. Falco ad indicare in base a quale norma egli fosse autorizzato a prendere tali decisioni poiché non risulta né nello Statuto né tantomeno nel Regolamento del Partito che gli sia stato conferito questo potere. Inutile dire che non ho ottenuto alcuna risposta. Nello stesso comunicato, inoltre, veniva citato dal Sig. Falco un presunto procedimento disciplinare incardinato a mio nome presso gli organismi regionali.

Ebbene, il Presidente Regionale del Partito On. Tommaso Pellegrino, da me interpellato in data odierna, mi ha certificato l’assoluta mancanza di procedimenti a mio carico, confermando ancora una volta che le bugie hanno le gambe corte, né poteva essere altrimenti visto che non esisteva e non esiste nessun presupposto né politico né statutario a tale azione; non mi era giunta, del resto, nessuna comunicazione in merito. Tanto per quanto riguarda la illegittimità.

Per quanto riguarda invece l’infondatezza e l’inopportunità, tali argomentazioni sono avallate dal fatto che il Sig. Falco si guarda bene dall’esaminare quanto i governi locali non hanno realizzato ma per cui si erano impegnati. De Franciscis in particolare aveva sottoscritto uno specifico atto con i Verdi e le associazioni ambientaliste che prevedeva precisi impegni da attuarsi già nei primi cento giorni e dopo due anni ancora completamente disattesi.. Lo stesso Sig. Falco, addirittura afferma che tra zero e cento lui preferisce fare sessanta cose. Ebbene, farebbe piacere agli elettori Verdi conoscere quali sono le cose realizzate che addirittura fanno pensare allo stesso Falco di avere raggiunto tali mirabolanti obiettivi. Ciò che lui stesso ha elencato nel suo precedente comunicato, infatti, riguarda l’azione del governo azionale e non certo di quello locale.

Ricordo allo stesso Falco, inoltre, la precipitosa discesa che i Verdi hanno avuto in provincia di Caserta nelle ultime elezioni amministrative, segno che la gente non ci vede più come paladini dell’ambiente, e Dio solo sa se ce ne sarebbe sempre più bisogno, ma solo come biechi mestieranti della politica, tanto è vero che dalle ultime elezioni provinciali molti di quelli che avevano contribuito al successo hanno abbandonato il partito o si sono decisamente schierati contro la linea della segreteria. Attribuire poi la responsabilità della disfatta dei Verdi in Terra di Lavoro al Dr. Giuseppe Messina che ha lasciato il Partito ben tredici anni fa, costituisce un comodo quanto inutile alibi per nascondere le responsabilità di un gruppo dirigente che ininterrottamente da tre dici anni governa il Partito. Inoltre non si capisce come il Sig. Falco possa asserire che le opinioni sulla politica del Partito stesso siano di esclusiva competenza degli iscritti quando lo stesso Congresso Nazionale ha deciso che il prossimo gruppo dirigente debba essere costituito per il 50% almeno da non iscritti e rappresentanti delle associazioni ambientaliste, di cui ad esempio il Dr. Messina è un autorevole esponente da oltre trenta anni.

In questo clima di sfiducia generale cosa pensa di fare il nostro bravo Presidente? Con una lettera illegittima, menzognera e ipocrita tenta di destituire, senza averne i poteri, uno dei pochissimi rappresentanti del partito che, esponendosi e pagando di persona, si è fatto conoscere dalla gente per il suo spirito realmente ambientalista sostituendolo alla guida del circolo sannicolese con un personaggio che è abituato a cambiare spesso casacca come ad esempio Salvatore Mataluna di Maddaloni, uscito appena lo scorso anno da Forza Italia senza alcuna cultura e trascorsi ambientalisti. E’ questa la coerenza? Le risposte che sono pubblicate in questi giorni anche dalla stampa locale e testimoniate da noti esponenti del nostro e di altri partiti politici e movimenti, a cui giungono i miei ringraziamenti, che condannano questa manovra impropria e controproducente, sono la giusta risposta ad una azione proditoria ed autolesionista per i Verdi di Terra di Lavoro da parte del Sig. Falco, deleg ittimatosi nei fatti.

Come noto tale situazione si è generata dalla vicenda della discarica illegale e pericolosa di Lo Uttaro la quale è di una gravità assoluta per l’allocazione, la realizzazione, la gestione. Sono rappresentativi della situazione i mancati collaudi, i controlli inefficienti, le mancate verifiche sui camion in entrata e in uscita, lo sversamento di materiale non autorizzato (vedi tra l’altro i rifiuti marci di Parco Saurino a Santa Maria La Fossa), nonché un’aria nauseabonda che avvolge duecentomila persone. A tale proposito, sono cadute nel vuoto le ripetute dettagliate relazioni in merito inviate al Presidente della Provincia, al Sindaco di Caserta ed ai Commissari Bertolaso e Pansa contenenti anche proposte alternative da parte del Comitato Emergenza Rifiuti, che mi vede tra i suoi esponenti.

Ritengo che nessun partito, e tantomeno quello dei Verdi che dovrebbe rappresentare in primis la difesa dell’ambiente e della salute dei cittadini, debba avere l’arroganza di parlare di massimi sistemi e di fedeltà a schieramenti ed alleanze senza concentrarsi subito ed in modo assoluto sulla soluzione di una gravissima emergenza sanitaria, ambientale e legale, dissociandosi, se non ascoltati, da coloro che sono certamente colpevoli di questo stato di cose.

Chiedo, quindi, a tutti coloro che credono ancora nella possibilità di avere un ambiente salubre nel casertano di far sentire la propria voce attraverso i mass media, le associazioni ed i partiti, per lottare tutti insieme nella logica di pensare globalmente ed agire localmente, smascherando una volta per tu tte quanti, facendosi scudo di ideali e programmi non attinenti la realtà locale, non fanno altro invece che perseguire fini di carattere personale.

Con la presente comunico infine che è convocata l’assemblea degli iscritti il giorno 3 settembre alle ore 19.00 presso i locali della Parrocchia Santa Maria della Pietà presso la Rotonda di San Nicola la Strada per una valutazione dell’attività del governo provinciale alla luce del programma amministrativo e del patto sottoscritto il 28 febbraio 2005 (che per opportuna conoscenza si allegano alla presente) con il nostro partito e le associazioni ambientaliste. Il presente invito, pertanto, è esteso anche alle suddette associazioni locali.

Sull’argomento leggi anche:

Scalera (Verdi) invita alla moderazione Antonio Roano

Caso Roano, Agnese Ginocchio contesta i vertici dei Verdi

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico