Campania

Grazzanise, quasi pronto il nuovo piano comunale

Grazzanise PlanimetriaGRAZZANISE. Ridisegnerà completamente il tessuto urbanistico del paese il nuovo piano urbanistico comunale, il Puc (ex Prg). «La commissione consiliare si sta già occupando del problema» dice il sindaco Enrico Parente che sul tema ha le idee abbastanza chiare: «Sarà opportuno prevedere – afferma – un forte allargamento della zona commerciale e industriale, tenendo conto degli incontri avuti con l’assessore regionale ai trasporti Cascetta dai quali abbiamo appreso il tracciato di strade che interesserà il nostro territorio.

È necessario che in prossimità degli svincoli vi siano spazi per la zona industriale, senza penalizzare i piccoli proprietari». Parente fa riferimento a quanti, in possesso di appezzamenti di 7-800 metri quadri, si sono visti penalizzati per i vincoli a suolo pubblico e a verde. Insomma, cambierà la faccia del paese? «Credo proprio di sì – dice Parente – anche perché è imminente il trasferimento di 400 dipendenti della Nato. Ci sarà un vero e proprio boom edilizio con costruzione di numerosi alloggi e villette a schiera». Per dare corpo al nuovo scenario, Parente già dà alcuni dati: «Al 31 maggio abbiamo incassato 48 mila euro per oneri concessori a fronte della previsione, per l’intero anno di 75 mila. È chiaro che questa cifra va rivista verso l’alto. Il piano – conclude Parente – sarà redatto da un tecnico che, peraltro, era stato incaricato di redigere la variante, che ora – ovviamente – non si farà più; il professionista non percepirà un centesimo in più di quello previsto dall’incarico di variante». E, sempre in ambito urbanistico e di assetto del territorio, il sindaco ricorda che è al rush finale la fase preliminare per la costruzione del nuovo cimitero che ha generato forti polemiche con l’opposizione in relazione alla scelta del project financing e per altre questioni. «Dopo la pubblicazione sul bollettino regionale – dice – attendiamo i pareri dell’Asl, dell’Autorità di bacino e del Ctr per sottoscrivere i primi compromessi e dare l’avvio ai lavori con la realizzazione del muro di cinta».

Il Mattino (GIAMMICHELE ABBATE)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico