Campania

Droga, quattro campani arrestati a Riccione

Ecstasy, 4 campani arrestati in una notteI carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Riccione hanno arrestato nel giro di una notte quattro cittadini campani per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri notte, nei pressi di una nota discoteca della località romagnola, sono finiti in manette Raffaele Di Fusco, classe 1988, e Giuseppe Spino, classe 1987, entrambi originari di Teverola (Caserta). Assieme ad altri due giovani, resisi irreperibili, sono ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di detenzione ai fini di spaccio di 206 pasticche di ecstasy, 2,3 grammi di hashish e 1,5 grammi di marijuana. Per Di Fusco anche l’accusa di spaccio di una pasticca di ecstasy. I militari, nell’ambito di controlli contro lo spaccio di droga nelle discoteche, hanno notato Di Fusco cedere lo pasticca di ecstasy ad un giovane assuntore che, a causa della notevole presenza di avventori, è riuscito a dileguarsi. All’atto dell’intervento il giovane teverolese è stato trovato in possesso di 19 pasticche di sostanza anfetaminica. Le successive investigazioni hanno consentito di individuare il temporaneo domicilio occupato dal giovane, presso un camping di Riccione, dove è stata eseguita la perquisizione all’interno della tenda occupata da Di Fusco, Spino e dagli altri due irreperibili, dove è stato rinvenuto il restante quantitativo di stupefacente, occultato all’interno delle valigie. Sequestrata anche la somma contante di 110 euro.

All’interno, invece, della stessa discoteca, i carabinieri hanno arrestato anche Fabio Giaccio, nato a Napoli il 10 aprile 1980, ma residente a Francolise (Caserta), operaio, già noto alle forze di polizia, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di grammi 17 di hashish. I militari hanno notato il giovane mentre si avvicinava ad alcuni avventori ai quali consegnava qualcosa. Ritenendo fosse avvenuta una cessione di stupefacente, i carabinieri hanno deciso di intervenire e di procedere al controllo. Il ragazzo, accortosi dell’arrivo dei militari, ha lasciato cadere in terra un coltello con lama annerita, utilizzato probabilmente per tagliare lo stupefacente. La droga è stata invece rinvenuta, all’esito della perquisizione, occultata all’interno degli slip. Sequestrata anche 100 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio.

All’alba, infine, in una discoteca di Misano Adriatico i carabinieri hanno ammanettato Arturo Renna, nato a Domodossola (No) il 14 agosto 1968, ma residente a Benevento, responsabile di detenzione e spaccio di 6 pasticche ecstasy. I militari, in servizio in abiti civili all’interno del locale da ballo, hanno sorpreso Renna che cedeva una pasticca di ecstasy ad un giovane turista milanese (che verrà poi segnalato alla prefettura). La successiva perquisizione personale ha consentito di rinvenire lo stupefacente e di sequestrare 15 euro contanti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico