Aversa

De Chiara replica a Marotta e annuncia nuove iniziative per l”ufficio turi

Nicola De ChiaraAVERSA. Ufficio turistico cittadino, l’assessore alla cultura Nicola De Chiara raccoglie l’sos di Stefano Marotta è fa chiarezza sulla questione sollevata dall’esponente di Federconsumatori2006 fin dal taglio del nastro della struttura avvenuta lo scorso 21 marzo. “Sono d’accordo con Marotta quando dice –esordisce De Chiara- che Aversa ha bisogno di un ufficio turistico funzionante a tempo pieno. Però devo anche dire che sbaglia quando afferma che quello installato all’interno dell’istituto professionale “Enrico Mattei” di via Vito di Iasi è l’ufficio turistico della città, perché si tratta solo di un punto informativo.

Pro LocoCreato, con l’applicazione di un protocollo d’intesa sottoscritto tra Comune e un Istituto d’istruzione dedicato alle attività turistiche, essenzialmente per dare una possibilità concreta agli studenti di effettuare uno stage pratico inerente le materie di studio. Di conseguenza è logico che quel punto informativo resti aperto per tempi ridotti e solo nei periodi di attività didattica”. “Fatta questa premessa d’obbligo, è ovvio –continua De Chiara- che avendo, la nostra amministrazione, scelto di far crescere il turismo culturale nella città che ha dato i natali a Domenico Cimarosa fin dall’inizio del primo mandato mi attiverò, nell’ambito delle mie deleghe, per creare un vero e proprio ufficio turistico, dotato di tutta la tecnologia necessaria per fornire informazioni e assistenza in tempo reale a chi vorrà scegliere la nostra città per una vacanza culturale”. Dunque il punto informativo interno al Mattei per l’assessore non era che un momento di passaggio. Una prima tappa verso la realizzazione di quell’ufficio turistico di cui la città ha bisogno, disponendo, ad oggi, per l’informazione turistica solo dei volontari dell’associazione Pro Loco. Per questo De Chiara coglie al volo il suggerimento di Marotta relativo all’uso dell’immobile di via Michelangelo che ospitava il consultorio materno-infantile, trasferito da tempo nei locali dell’Asl di viale Europa. “Verificherò –riprende l’assessore- l’informazione fornita circa la proprietà dell’immobile ( pag 15 volume “Stato Patrimoniale dei beni immobili comunali” aggiornato al 6/12/1994 stampato a cura del Ufficio Patrimonio di Aversa, ndr) e se risulterà che l’appartamento è davvero inserito nel patrimonio comunale, valuterò la possibilità di utilizzarlo come sede dell’ufficio turistico”. Se accadesse all’Amministrazione ne verrebbe il doppio vantaggio di disporre di un vero ufficio turistico e di cancellare la spesa di fitto dei locali occupati dall’associazione Pro Loco.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico