Teverola

Paciello lascia la Sinistra Giovanile e aderisce a Sinistra Democratica

Sinistra DemocraticaTEVEROLA. Giovanni Paciello lascia la carica di segretario della Sinistra Giovanile di Teverola per aderire al movimento Sinistra Democratica guidata dagli ex diesse Mussi, Angius e Salvi.

“Al congresso di sezione dei Ds dello scorso Aprile, – afferma Paciello – la Sinistra Giovanile di Teverola si schierò a favore della mozione Mussi. Noi della Sg ritenevamo che il Partito Democratico stesse nascendo male, su basi ideologiche non corrette, e su modi di intendere la politica completamente lontani dalle nostre idee. Al congresso nazionale dei Ds Fassino non fece alcun riferimento alla legalità e alla ‘questione morale’, anzi si tentò di riabilitare la figura del latitante Craxi a discapito dell’onestà di Berlinguer! Nonostante questo decidemmo di non seguire immediatamente il correntone di Mussi ma di restare dentro al partito: speravamo che qualcosa potesse cambiare e di contribuire a questo cambiamento”. Ma, secondo Fabio Mussi e Gavino AngiusPaciello, non è stato così: “Hanno creato un comitato di 45 ‘vecchi’ della politica italiana, senza giovani ma con personaggi come Bassolino e Iervolino (tanto per restare a casa nostra) che non ci pare siano esempio di ‘buona politica’, e anzi farebbero bene a dimettersi. Veltroni, se sarà lui il leader del Pd, potrà forse migliorare la situazione, e noi lo speriamo, ma rischia di essere la foglia di fico dietro cui nascondere tutte le ipocrisie e le ambiguità morali del nascente Pd”. Anche a Teverola, per Paciello, la via del Pd non è quella sperata. “Se anche il Pd sarà davvero un nuovo partito capace di trasformare la politica italiana, – dice l’ex segretario della Sg – di certo non trasformerà Teverola. Perché a Teverola la politica è stata delegittimata da quanti hanno preferito la logica degli affari e dell’interesse personale a quella del bene comune e dell’interesse collettivo. Anche in un ‘nuovo’ partito, la politica teverolese continuerà ad essere la stessa vecchia politica che noi non abbiamo condiviso e non condividiamo. Non saremo certo noi giovani quelli che dall’interno del Pd daranno una parvenza di novità e di vitalità a qualcosa che dovrebbe essere nuovo ma in realtà sarà mostruosamente e tristemente vecchio”. Per tutte queste ragioni Paciello ha deciso di lasciare ufficialmente, assieme ad altri il congresso di Sinistra Democraticacompagni iscritti alla Sg, sia il partito dei Ds che la costituente locale del Pd, aderendo alla Sinistra Democratica. “Il nostro gruppo – prosegue – continuerà a battersi per gli aspetti che più ci stanno a cuore: maggiore controllo del territorio e contrasto di tutti i comportamenti illegali (possibile che ancora ci sono solo tre vigili?), maggiore attenzione per le problematiche ambientali (la raccolta differenziata dov’è?) e la vivibilità del nostro paese; spingeremo per far nascere a Teverola quelle strutture che mancano (biblioteca, piscina, centri sportivi, teatro ecc) e che sono fondamentali per la crescita di Teverola”. A breve il nuovo gruppo della Sd presenterà all’amministrazione comunale delle proposte per le politiche giovanili. Intanto, Paciello chiarisce: “Non faremo opposizione al Pd e non ci auguriamo che il progetto fallisca, anzi. Speriamo che il Partito Democratico possa servire a risvegliare quella società civile teverolese che in questi anni è venuta troppe volte a mancare, ma la nostra casa è un’altra”. E ringrazia il segretario cittadino dei Ds, Gennaro D’Agostino, “che in questi anni ci ha sempre aiutato nei momenti difficili e al quale auguriamo un grosso in bocca al lupo per il difficile e duro lavoro che lo attende”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico