Orta di Atella

Del Prete sfida l”opposizione ad un dibattito pubblico

Salvatore Del PreteORTA DI ATELLA. Arriva a stretto giro di posta la risposta del sindaco Salvatore Del Prete all’esponente consiliare di Rifondazione Comunista Arcangelo Roseto, in merito alla situazione politica dei Ds ortesi.

“Se la memoria non mi inganna, credo che i punti all’ordine del giorno dell’ultimo consiglio comunale non riguardassero la situazione politica dei Ds di Orta di Atella. In ogni caso, per fare definitivamente chiarezza anche verso i buoni ed onesti lettori dei quotidiani locali, ai consiglieri di opposizione ribadisco che i Ds ortesi, in segno di sfiducia verso la classe dirigente regionale e provinciale, hanno deciso, autonomamente e con grande dignità e maturità, di auto sospendersi dal partito per il gravissimo comportamento avuto da questi pseudo – dirigenti in merito ai fatti che tutti conosciamo. Del resto il Congresso Provinciale del 2 luglio scorso e il processo costituente del futuro Partito Democratico, che invece di portare chiarezza e condivisione attorno ad un progetto genera confusione e ulteriore scompiglio fra gli iscritti diessini della provincia casertana e Salvatore Del Pretedell’intera Regione, sono un segno tangibile dell’opera di sciacallaggio che la vecchia e obsoleta nomenclatura dei Ds di Terra di lavoro, con l’avallo dei padroni napoletani del Partito, sta portando avanti. Elementi, questi, che hanno portato me, e credo di interpretare il pensiero di tanti amici, a scendere in una fase di seria riflessione per capire con chi stiamo, con chi dobbiamo interloquire, con chi dobbiamo programmare, con chi dobbiamo progettare e realizzare le nostre idee politiche. Ebbene, tutti questi interrogativi ci portano necessariamente ed inevitabilmente ad una fase di profonda riflessione. Agli esponenti di opposizione consiliare, i quali a turno si atteggiano a Platone della politica, voglio lanciare un invito sentito: li invito, cioè, a confrontarsi in un pubblico convegno sulla politica e su cosa vogliamo realizzare, per chiarire definitivamente questo argomento (la scelta del luogo e dell‘orario a loro discrezione). Anche perché, lo scrivente e tutti gli amici auto sospesi, certamente non siamo tenuti a dar conto a chi, invece di esercitare nel migliore dei modi il mandato conferitogli dal popolo sovrano, esercita esclusivamente costanti contraddizioni. Come per esempio in occasione del Consiglio Comunale di lunedì mattina, dove ancora una volta si sono contraddistinti per il solito ed inutile ostruzionismo privo di motivazioni e argomentazioni, anche quando il sottoscritto gli ha concesso una sostanziosa apertura di convergenza sul conferimento dello Status di Città per la Nostra Orta di Atella”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico