Italia

Ucraina, paura per nube tossica al fosforo

Immagini del disastro in UcrainaLEOPOLI (Ucraina ovest). Cresce la paura nella regione ucraina di Leopoli per la nube tossica di fosforo giallo sprigionatasi l’altro ieri in seguito al deragliamento e all’incendio di un treno merci che ne trasportava una grande quantità.

i vigili del fuoco all'opera La bomba al fosforo è esplosa alle due del mattino, sprigionando una nube tossica che ha avvolto 14 villaggi popolati da circa 11mila abitanti. Circa una ventina persone sono rimaste intossicate, una è in gravi condizioni, e oltre 800 sono state evacuate. Si è temuto che la contaminazione potesse raggiungere Leopoli, la città più importante dell’Ucraina, la terza del Paese con 800mila abitanti, che si trova a 80 chilometri dal luogo del disastro. Il treno merci, composto da 58 carri, di cui 15 contenenti fosforo giallo, era partito dal Kazakhstan diretto in Polonia ed è deragliato in una zona agricola poco abitata, tra Krasnoye e Ozhidov. Ha preso fuoco in pochi istanti provocando una nube tossica che si è estesa sopra un’area di circa novanta chilometri quadrati. Le squadre di soccorso hanno lavorato contro le fiamme tutta la notte e nella mattinata di ieri, in condizioni estreme.

Gli intossicati, infatti, sono quasi tutti vigili del fuoco impegnati in prima linea. Il fosforo giallo (chiamato anche fosforo bianco quando è molto puro) è una sostanza altamente tossica e infiammabile, impiegata principalmente per la produzione di fertilizzanti e pesticidi. Tale sostanza è molto irritante per occhi e mucose; una concentrazione notevole o un’esposizione prolungata può comportare la morte per disidratazione o avvelenamento. L’incidente ferroviario che ha terrorizzato il distretto di Busk, nell’Ucraina occidentale, ha subito riportato alla mente i giorni della nube radioattiva di Chernobyl, anche se questa volta il nucleare non c’entra e le conseguenze sono state infinitamente minori. Intanto, un esperto russo di Greenpeace, Alexei Kiselev, fa sapere che ci vorrà un tempo lungo per la bonifica.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico