Italia

Codice della Strada e punti patente, ecco le novità

patente a puntiOcchio alle prossime vacanze estive. Autista avvisato, autista salvato. Attenti “quattroruotisti” e centauri d’Italia, rischiamo di rovinarci le vacanze se non siamo attenti alla guida.

Multe e sanzioni diventano molto più dure, queste sono le sostanziali modifiche approvate ad unanimità dalla Camera dei Deputati; ora si attende che il testo venga approvato anche dal Senato.

1) Chi parla a telefonino mentre guida o ascolta musica in cuffia si becca una multa che varierà tra i 148 e i 594 euro, ed è prevista la sospensione della patente da uno a tre mesi. La sospensione scatterà per chi compie la stessa violazione nell’arco di due anni.

2) Chi si diverte invece a guidare senza patente e viene pizzicato per la seconda volta rischia fino ad un anno di galera. Fino ad ora la guida senza patente veniva punita solo con una sanzione amministrativa da poco più di 2 mila euro fino ad un massimo di circa 9 mila. Assieme all’arresto, che si applica alle persone che violano la norma due volte nel corso di un biennio, la sanzione pecuniaria rimane anche se ridotta di poco.

3) Multe più salate per chi trucca i motorini: chiunque fabbricherà o venderà ciclomotori che superano il limite dei 45 chilometri all’ora rischia di pagare da mille a 4 mila euro di sanzione amministrativa. Mentre chi li modifica successivamente dovrà pagare da 148 a 594 euro di multa.

4) Chi ha la patente da meno di tre anni non potrà mettersi al volante di motocicli con potenza superiore a 25kW e ad auto più potenti di 60 kW: in pratica dovrà limitarsi a guidare solo le utilitarie. Arrivano inoltre revisioni obbligatorie della patente per i principianti che abbiano commesso incidenti gravi e, in generale, per chi dopo un incidente ha avuto la patente sospesa per almeno due mesi.

polizia stradaleMa ci sono buone notizie per chi si comporta bene. Un emendamento di Simone Baldelli (Forza Italia) al testo di modifica del Codice della strada prevede che per gli automobilisti che durante l’anno non hanno commesso infrazioni, il bonus di punti raddoppi, da due a quattro ed aumenteranno da 60 a 90 i giorni a disposizione degli automobilisti per beneficiare del pagamento in misura ridotta delle contravvenzioni e per presentare ricorso al prefetto. Il Presidente dell’Asaps Giordano Biserni su questa ultima iniziativa ha commentato: “In un momento di non poche difficoltà economiche si sarà voluto far ‘respirare’ il contribuente, come avviene qualche volta anche per le norme di carattere tributario”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico