Caserta

Capobianco incontra i lavoratori Finmek

Franco CapobiancoCASERTA. L’assessore provinciale alle Attività Produttive Franco Capobianco, l’assessore regionale al ramo Andrea Cozzolino e il presidente della Commissione consiliare Attività produttive della Provincia di Caserta Amilcare Nozzolillo, hanno incontrato questa mattina le rappresentanze sindacali unitarie e i lavoratori della Finmek, nella sede dello stabilimento a Santa Maria Capua Vetere.

Gli esponenti delle istituzioni hanno illustrato i contenuti del Protocollo d’intesa per il rilancio produttivo e occupazionale dei siti industriali in crisi della provincia di Caserta, siglato a Palazzo Chigi lo scorso 20 giugno da Governo, Regione Campania, Provincia di Caserta, Confindustria Caserta, Asi, parti sociali e Sviluppo Italia. Ai lavoratori e ai rappresentanti sindacali sono stati esposti i punti chiave dell’accordo, teso ad assicurare il rilancio delle attività industriali in Terra di Lavoro e a salvaguardare l’occupazione nei siti in crisi, a partire dai Comuni di Marcianise, San Marco Evangelista e Santa Maria Capua Vetere. Grande attenzione sarà data alle vocazioni produttive del territorio nei settori dell’elettronica, dell’informatica, delle telecomunicazioni e nei comparti aeronautico, dell’aerospazio, ferroviario, delle automotive, delle energie rinnovabili e delle produzioni industriali eco-compatibili. La definizione della manovra spetterà ad un Gruppo di coordinamento degli interventi, composto da rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico, del Dipartimento per lo sviluppo delle economie locali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Campania, della Provincia di Caserta e delle parti sociali. L’assessore Capobianco ha rassicurato i lavoratori, sottolineando che “il territorio punterà alla massima vigilanza e controllo sulle scelte che saranno fatte in merito alle manifestazioni d’interesse lanciate per rimettere in moto l’industria casertana e sulla conseguente difesa dei posti di lavoro”. “Non sarà consentito a nessuno – ha aggiunto – di ripercorrere le strade del passato. Il percorso che abbiamo definito con Governo e Regione diventa, di fatto, lo strumento credibile di una seria politica di reindustrializzazione dei nostri territori”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico