Caserta

A lo Uttaro niente funziona

Lo UttaroCASERTA. COMITATO EMERGENZA RIFIUTI DI CASERTA. NUOVA GRAVE DOCUMENTAZIONE SUL BLUFF DELLA DISCARICA A LO UTTARO. LA ESPORRANNO DOMANI SABATO 7 LUGLIO, ALLE 11, IL DOTTOR NICOLA SANTAGATA, MEMBRO DEL “COMITATO DEI GARANTI” PER LA DISCARICA, E IL COMITATO EMERGENZA RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI CASERTA. CONFERENZA STAMPA NELLA SEDE CASERTANA DI ITALIA NOSTRA, IN VIA CESARE BATTISTI 69.

A niente funziona. Le irregolarità sono così gravi che il 27 giugno scorso un rappresentante del “Comitato dei garanti” – organismo ufficiale che avrebbe il compito di controllare la discarica, se è efficiente e se può costituire un pericolo per la popolazione – è rimasto ad aspettare tre ore all’ingresso dell’impianto. lo UttaroAl dottor Nicola Santagata – era lui il garante – sono stati opposti indugi e tentativi di fuorviamento, perché non vedesse ciò che stava avvenendo nella discarica in una situazione senza preavviso di controlli. E nonostante questo l’esito del sopralluogo è stato pauroso. Lo Uttaro è un bluff ormai scoperto di cui domani proprio il dottor Santagata spiegherà gli ultimi allarmanti sviluppi documentati da una serie di foto, alcune delle quali diffuse nei giorni scorsi. L’appuntamento è per domani sabato 7 luglio, alle 11, di nella sede casertana di Italia Nostra in via Cesare Battisti 69. Il Comitato Emergenza Rifiuti, d’intesa con oltre 100 associazioni interessate all’ambiente, ha inviato una lettera al commissario Bertolaso come riepilogo delle irregolarità passate e presenti e con richiesta di intervento urgente. La lettera è stata anche recapitata, per le rispettive competenze, alla Provincia di Caserta, al Sindaco di Caserta nella qualità di responsabile della salute pubblica, ad ASL, ARPAC, POLIZIA STRADALE, Carabinieri del NOE. Al Magnifico Rettore della Seconda Università di Napoli e alla Commissione tecnico-istruttoria regionale per la V.I.A., preposte a vario titolo alla costruzione del Policlinico universitario che dovrebbe sorgere prossimamente a meno di 700 metri da dov’è tuttora aperta la discarica. Infine alla Procura della Corte dei Conti perché accerti la responsabilità del danno erariale generato dalla chiusura del macello comunale, sito nella località Lo Uttaro e costato oltre 7 milioni di euro di denaro pubblico, e dall’abbandono della struttura a furti e vandalismi. Le prove delle malefatte a lo Uttaro sono ormai tutte accessibili. Tecnici e scienziati hanno fornito indicazioni utili per affrontare diversamente il problema dei rifiuti nella provincia di Caserta e cominciare finalmente a risolverlo davvero. I responsabili fanno ancora finta di non capire. Lo Uttaro è il lato più oscuro del modo in cui i governanti, nazionali e locali, stanno tentando di rimediare ad oltre tredici anni di malaffari dell’emergenza rifiuti in Campania combinando altri pasticci. Altrove nella regione si temono i danni che potrebbe provocare una discarica. A lo Uttaro, che sta a pochi passi da quartieri densamente abitati, i danni ci sono già tutti e c’è chi vorrebbe ancora negarlo. Per fortuna sono sempre di meno quelli – soprattutto nella stampa – che dopo essere venuti a dare un’occhiata ripetono la frottola della “discarica modello a basso impatto ambientale”. Riaprire la discarica a lo Uttaro – una delle zone più martoriate della regione e forse del mondo per i rifiuti urbani (ma nessuno può escludere che ci siano anche rifiuti “speciali”) – è stato un errore compiuto con la consapevolezza, da parte almeno di qualcuno, di trasgredire leggi e regolamenti inderogabili perché a tutela della salute pubblica. Tenere aperto lo Uttaro significa impedire a molte decine di migliaia di cittadini di condurre un’esistenza normale e mettere in pericolo sempre maggiore la loro aria, la loro acqua, il loro cibo, la loro salute. Una situazione che può perdurare perché nella cosiddetta emergenza rifiuti – una deliberata truffa, secondo la recente tesi della magistratura di Napoli – è più facile il gioco a scaricabarile di una classe dirigente politica incompetente e inetta.

Comitato Emergenza Rifiuti – Caserta
NFO E AGGIORNAMENTIwww.ambienti.wordpress.com

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico