Aversa

Tirozzi lascia il PdA e passa in maggioranza

Giovanni TirozziAVERSA. Si assottiglia sempre di più la minoranza consiliare. Dopo Stefano di Grazia, che subito dopo le elezioni ha ‘salutato’ il Pda per dichiararsi indipendente e Adolfo Giglio, che oggi ha ufficializzato la sua posizione nel corso di una conferenza stampa, c’è anche un altro consigliere che punta alla maggioranza.

Al momento il nome del consigliere non è dato saperlo, anche se le ipotesi non sono molte. Con una nota ufficiale Valerio Ferrara, presidente della civica “III polo-Diritti e Libertà” ha convocato una riunione del suo movimento civico per mercoledì prossimo 18 luglio, alle ore 18,30, con tutti i simpatizzanti ed i candidati alle scorse amministrative. Per l’occasione è stata invitata anche la stampa perché nel corso della riunione sarà presentato “un nuovo consigliere comunale eletto nella minoranza che aderirà al gruppo Diritti e Libertà”. La lista civica nella scorsa tornata elettorale non ha ottenuto un grande consenso fermandosi a quota 530 preferenze. Analizzando l’attuale formazione della minoranza non è un azzardo fare ipotesi. Sembra che il consigliere che sta lasciando l’opposizione possa essere un giovane e che sia stato eletto nel Pda. Esclusi, quindi, Giuseppe Stabile, capogruppo della sua lista civica; Stefano di Grazia, che già si è dichiarato indipendente e Adolfo Giglio, che nella giornata di oggi ufficializzerà nel corso di una conferenza stampa la sua adesione al Nuovo Psi, restano i due neofiti Rosario Adolfo GiglioCapasso e Giovani Tirozzi. Ci tiene, però, subito a smentire ogni suo possibile passaggio in maggioranza Rosario Capasso: “Sono stato eletto nel Pda e intendo rimanerci”, è il commento lapidario del neo consigliere. Intanto il PdA è sempre più monco di consiglieri eletti che poi hanno lasciato la lista civica che addirittura potrebbe rischiare di ritrovarsi senza rappresentanti in consiglio comunale. Prima l’addio di Stefano Di Grazia, che ancora una volta ha ribadito: “Resterò in consiglio comunale come indipendente e voterò di volta in volta secondo la mia coscienza sempre per il bene di Aversa. Al momento – continua Di Grazia – non sono stato contattato da nessun partito. Di certo il mio percorso politico continuerà in un partito e non più in una lista civica di centro-destra”. Adolfo Giglio, invece, questa mattina alle ore 11 è stato presentato dal Nuovo Psi ufficializzando il suo passaggio in maggioranza. Il profilo del ‘nuovo acquisto’ della maggioranza, quindi, potrebbe coincidere con quello di Giovanni Tirozzi, giovane avvocato e neo eletto in casa Pda. Potrebbe essere Tirozzi il neo acquisto della civica di Valerio Ferrara anche se si considerano i trascorsi dello stesso Ferrara e del padre di Tirozzi. I due hanno fatto un percorso politico comune fino a qualche tempo fa nel Pdc. Il papà di Tirozzi era membro del Partito democratico Cristiano e Valerio Ferrara segretario dello stesso partito che cinque anni fa appoggiò la candidatura di Mimmo Ciaramella con l’elezione in consiglio comunale di Emilio Scalzone, ora Alleanza Nazionale, e presente in giunta con Nicola De Chiara, ora espressione nell’esecutivo per la civica Città della Libertà. L’adesione di Tirozzi al gruppo “Diritti e Libertà per Aversa-III Polo”, sarebbe, quindi, un ritorno al connubio Tirozzi-Ferrara.

dal Corriere di Caserta, giovedì 12.07.07 (di Francesca Pagano)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico