Aversa

Il Pda era destinato a confluire nel Pd ci andrà solo Stabile

Giuseppe StabileAVERSA. «Il movimento Progetto Democratico per Aversa aveva ormai esaurito il proprio compito e la propria dissoluzione in quello che sarà il Partito Democratico appare come l’approdo naturale del cammino intrapreso e delle scelte fatte in questi anni di attività politica». Salvatore Pezone, esponente di primo piano del Pda, già vicesindaco con Ciaramella, sintetizza con queste parole l’ultimo atto del movimento centrista che aveva come collante Giuseppe Stabile.

Domenico CiaramellaEd è stata proprio la scelta di quest’ultimo di candidarsi a sindaco (scelta caldeggiata, da quanto è dato sapere, dalla manager dell’Asl Ce2 Maria Ruggiero, in una guerra, tutta diessina, con Lello Ferrara), in una coalizione di centro sinistra già in mille pezzi a favorire la dissoluzione. Lo stesso Stabile ce lo aveva preannunziato in campagna elettorale, al momento di sfidare Ciaramella, quando, in camera caritatis, aveva preannunziato: «quale che sia il risultato elettorale, il Pda scomparirà e credo che la scelta non potrà che cadere sul nascente Partito Democratico». Oggi il Pda ha scelto di sciogliersi lasciando liberi di scegliere i propri rappresentanti e aderenti A finire nel centrosinistra sarà solo Stabile. Infatti appare sempre più certo che, dopo Stefano di Grazia e Adolfo Giglio, anche gli altri due consiglieri, Rosario Capasso e Giovanni Tirozzi si collocheranno nel centrodestra. Sul dissolvimento del Pda dice la sua anche il sindaco azzurro Mimmo Ciaramella: «Il Pda non è stato affatto un fenomeno di poco conto, ma ha interessato migliaia di persone e non si può archiviare così in fretta. Il suo leader, nonostante la sua esperienza, ha fatto il passo più lungo della gamba ed è stato tradito dai propri alleati. Credo che sintetizzi il tutto la posizione del consigliere di Grazia, che, eletto nel Pda, è passato alla Cdl affermando: «quando ho visto che la persona che ho seguito era rimasta isolata, ho scelto di andare dove ideologicamente mi sentivo a casa. Insomma, il Pda, ad un certo punto, si è trovato da solo in un mare in tempesta, quello del centro sinistra. A questo si è aggiunto il problema personale di salute di Stabile, al quale auguro di risolverlo al più presto».

Il Mattino

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico