Aversa

In giunta solo i più votati

Mimmo CiaramellaAVERSA. «Dopo la riunione di venerdì sera, per la cui conclusione non posso dire altro se non che sono contentissimo, si ha l’esatta impressione che questa coalizione sta continuando il proprio cammino verso soluzioni condivise».

Mimmo Ciaramella, sindaco rieletto di Aversa, tira le somme dell’incontro tenuto con i responsabili delle forze che compongono la coalizione, anche se non si può fare a meno di evidenziare un contrasto che si è registrato tra il sindaco azzurro e il proprio partito di Fi in materia di assegnazione di deleghe anche a consiglieri comunali eletti. Uno strategia che l’esperienza appena chiusa ha mostrato essere positiva e coinvolgente. Passando a quanto avvenuto nel corso della riunione, AversaCiaramella dichiara: «Abbiamo determinato le regole da seguire in questi cinque anni. La gestione politico-amministrativa sarà collegiale e la composizione politica della giunta rimarrà quella fotografata dai risultati elettorali ed eventuali cambi di casacca di consiglieri comunali non determineranno nuovi equilibri nell’esecutivo». In pratica, se un partito, ad esempio, avrà due assessori, questi rimarranno tali anche se quello stesso partito perdesse o acquistasse nuovi consiglieri. Dalla riunione di venerdì è emerso anche che la verifica non si avrà a trenta mesi, ma si dividerà in due fasi. Una prima dopo dodici mesi per verificare se saranno stati raggiunti gli obiettivi prefissati per ogni singolo assessore ed una ulteriore, generale, alla fine del secondo anno, con la possibilità di apportare correttivi. È stato anche deciso di lasciare al sindaco il potere di nomina del segretario generale del comune (in caso dovesse essere nominato in questa consiliatura uno nuovo) e dell’addetto stampa. Mentre il primo cittadino potrà nominare il direttore generale e i dirigenti solo dopo aver sentito i partiti. Per quanto riguarda la composizione della giunta, tra mercoledì e giovedì prossimo, i partiti si incontreranno per stabilire l’organigramma, fermo restando un assessore in quota sindaco e la rappresentanza per tutti i partiti che hanno consiglieri. Per i tempi, la giunta dovrebbe essere nominata immediatamente prima del primo consiglio comunale in programma per la fine del mese di giugno.

Il Mattino (NICOLA ROSSELLI)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico