Italia

Telefono Arcobaleno presenta rapporto pedofilia on-line

Telefono ArcobalenoMILANO. Telefono Arcobaleno, l’Associazione che da 11 anni lotta al fianco delle polizie nazionali e internazionali contro la pedofilia e la pedopornografia in internet, presenta oggi il rapporto sulla pedofilia on line relativo ai primi quattro mesi del 2007.

Riprende a crescere il numero di siti pedofili dopo la lieve diminuzione registrata nel 2006. “La produzione e la diffusione di pedopornografia è in aumento, dalle 1.260 segnalazioni di Telefono Arcobaleno del mese di gennaio 2007, si è passati alle oltre 2000 di aprile”, sottolinea il presidente Giovanni Arena. Rimane elevatissimo il numero di frequentatori di siti pedofili, in prevalenza, statunitensi, tedeschi, russi, giapponesi, francesi, italiani, olandesi, svizzeri. In Italia, Milano si attesta come la capitale della pedofilia on line. Il pedo business affina e muta continuamente metodi e tecnologie di azione e di dissimulazione. Telefono Arcobaleno è l’Organizzazione che ha adeguato, nel tempo, gli strumenti di contrasto all’evolversi del fenomeno dello sfruttamento sessuale dei minori ad opera di vere e proprie organizzazioni criminali internazionali. Un sito pedopornografico a pagamento genera un numero spaventoso di visitatori ogni giorno: da 7000 fino a 20.000, questo dato, incrociato con l’incremento dei prezzi Pedopornografia, 2000 segnalazioni solo nel mese di aprile 2007degli abbonamenti ai siti illegali, fornisce una chiara dimensione del turpe mercato: abbonamento per film 500 dollari prezzo medio (circa 30 film); abbonamento per foto 80 dollari prezzo medio (alcune centinaia di foto). Il presidente di Telefono Arcobaleno sottolinea : “Aumenta la contaminazione quotidiana di spazi e servizi internet del tutto estranei alla comunità pedofila, questi siti vengono inquinati sistematicamente dalla promozione di siti pedofili a pagamento attraverso l’ utilizzo, con sempre maggiore intensità, di ‘masked files’ ovvero filmati o serie di foto, contenuti in file dissimulati e protetti, pubblicati poi nei moltissimi e multiformi servizi di storage presenti in internet e resi noti, con un passaparola virtuale, a sua volta protetto e nascosto”. I pedofili utilizzano tutti i mezzi possibili sulla rete anche per conferire validità alle loro azioni, ed è proprio in questo pericoloso contesto, che si inquadra il preoccupante sviluppo e la divulgazione della cosiddetta “cultura pedofila in rete”. Esistono oggi interi server riservati ai Boylovers e alla promozione della relativa “cultura”. Sotto l’apparente veste di spazi web in difesa dei diritti dei minori, si sostiene l’inaccettabile “diritto” del bambino al libero consenso al rapporto sessuale con adulti. Il rapporto completo relativo alla mappatura del fenomeno pedofilo in rete nei primi 4 mesi del 2007 è disponibile sul sito di Telefono Arcobaleno.

Telefono Arcobaleno Onlus

Maria Clara Marchi (resp. comunicazione e progetti speciali)
Tel 02.89691598 – fax 02.89691622
clara.marchi@telefonoarcobaleno.org
www.telefonoarcobaleno.org

Leggi anche:

Abusi su minori, la “Missione Arcobaleno”

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico