Italia / Società

Rifiuti, tensione a Serre per la discarica

(Visualizzato 1148 volte)

Alessandro PansaSERRE. Tensione questa mattina a Serre, in provincia di Salerno, dove c’è una mobilitazione popolare a difesa dell’area in cui dovrebbe sorgere, secondo le disposizioni di un decreto governativo, la discarica temporanea contro la crisi rifiuti di questi mesi.

Tommaso Sodano

Negli scontri con le forze dell’ordine, che hanno aperto un varco tra la folla consentendo l’ingresso nell’area di alcune ruspe, si registrano tre contusi. ”Ci sono stati spintonamenti ma non cariche e questi spintonamenti possono aver portato non a tre ricoveri in ospedale ma a tre contusi e non v’è altro. E’ stato adottato questo decreto legge e bisognava far entrare i mezzi”. Così il ministro dell’Interno Giuliano Amato, a margine del G6 di

Venezia sulla sicurezza, spiega la sua posizione. ”Ma chi ha parlato di cariche, così mi viene riferito dal capo della polizia, ha usato parole eccessive rispetto all’accaduto”, sottolinea Amato. “Le ruspe che sono entrate nell’area della discarica di Serre stanno lavorando senza alcuna autorizzazione, senza misure di sicurezza e rispetto delle norme igienico-sanitarie”, ha denunciato il senatore del Prc Tommaso Sodano, presidente della commissione Ambiente, che da questa mattina si trova nell’area. Sodano avrebbe dovuto incontrare il prefetto di Napoli Alessandro Pansa, per fare il punto della situazione sulla crisi di questi giorni in Campania. “C’era l’impegno della Prefettura e del ministero degli Interni, a non adottare azioni di forza per entrare nel sito, almeno fino alle 12 di oggi – ha aggiunto – invece è stato disatteso e questo è grave. Fino a quando non avrò rassicurazioni in tal senso non andrò dal prefetto. Le forze dell’ordine sono intervenute questa mattina – ha detto il senatore – con una lieve carica che ha causato anche qualche ferito”. Da parte sua il ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ” ha pubblicamente ribadito la necessità che da parte delle istituzioni si evitino forzature e si riapra il dialogo con i cittadini. Pecoraro ha invitato anche a valutare tutte le soluzioni alternative presentate anche dalla Provincia di Salerno”.

Fonte: Adnkronos/Ign

I più letti

Ultimi Commenti