Orta di Atella / Politica

Niente Riesame per Brancaccio. Ieri manifestazione di solidarietà

(Visualizzato 1268 volte)

Tribunale S Maria CVORTA DI ATELLA. La sospensione dall’incarico di consulente tecnico del Comune di Orta di Atella gli è stata notificata ieri mattina, nella sua casa di Casagiove, mentre stava uscendo per andare in Tribunale, accompagnato dall’avvocato, per rispondere alle domande del gip Paola Piccirillo.

Comune OrtaIronia del destino, a consegnargli il deliberato è stato il segretario comunale Nicola Cantone, pure lui indagato nel procedimento che ha portato all’arresto dell’ex sindaco e consigliere regionale dei ds, Angelo Brancaccio. Anche per cantone c’era una richiesta di misura cautelare, che però è stata rigettata. Quindi, dalle 10 alle 13, il confronto di Salvatore Ragozzino, 59 anni, con il gip. Confronto al quale hanno assistito anche i pm Alessandro Cimmino e Luigi Landolfi, nel corso del quale Ragozzino, che risponde solo di falso e che è agli arresti domiciliari, ha negato di aver effettuato solo sulla carta i sopralluoghi propedeutici al rilascio delle concessioni edilizie ritenute illegittime. Si è mantenuto sulla stessa linea difensiva del capo dell’ufficio tecnico, Nicola Arena, che era stato interrogato giovedì e che aveva dichiarato di non aver avuto alcun ruolo nell’iter burocratico che ha portato al rilascio della concessione per la lottizzazione San Pietro, in un’area adibita dal Piano regolatore a verde pubblico attrezzato e a bassissima densità edificatoria. Intanto, i rappresentanti di Sinistra democratica, la componente dei ds che fa riferimento a Mussi, arriva la precisazione: «Nicola Arena non fa parte del coordinamento casertano della mozione Mussi e non è stato eletto delegato al congresso provinciale dei Ds per la medesima». Da Sinistra giovanile anche l’auspicio che «Brancaccio possa chiarire la sua posizione e tornare rapidamente al suo lavoro e alla sua famiglia». E Orta di Atella, sia pur sotto tono, inizia a mobilitarsi in favore dell’ex sindaco. Manifestazione spontanea, ieri sera, al termine di una riunione finalizzata al recupero delle aree occupate dal campo nomadi sgomberato alcune settimane fa. In programma, per i prossimi giorni, anche una fiaccolata.

fonte: Il Mattino

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

I più letti