Italia / Società

La Finanza scopre coniugi evasori

(Visualizzato 1448 volte)

Evasione FiscaleCASERTA. La Guardia di Finanza, nell’ambito delle varie attività di polizia economica e finanziaria, ha scoperto una coppia di coniugi anziani di San Nicola la Strada (Ce) che affittavano 17 appartamenti in nero, pagando solo 32 euro di Ici l’anno.

Guardia di FinanzaSi tratta di un avvocato e della moglie pensionata, titolare di altre attività commerciali, proprietari, tra loro, di ben 17 unità immobiliari quasi esclusivamente locate “in nero”. Attraverso l’esecuzione di mirati ed approfonditi accertamenti, sono stati ricostruiti oltre 450 mila euro di redditi “di fabbricati” completamente sottratti a tassazione e derivanti dalla riscossione di “canoni di locazione”. Sono risultate altresì evase le relative imposte indirette (Ici, Registro, Bollo), nonché commesse numerose violazioni alle leggi di pubblica sicurezza connesse all’obbligo di effettuazione delle previste comunicazioni agli organi di polizia. Al Comune di San Nicola è stata segnalata l’evasione dell’Ici che, nonostante i 17 appartamenti affittati, veniva corrisposta nella sola misura di 32 euro. Dall’esito delle indagini, particolarmente laboriose, le Fiamme Gialle casertane, hanno accertato che nel regolare gli accordi di affitto, venivano prese particolari misure, volte a mascherare la reale situazione, mediante il ricorso a pagamenti direttamente con banconote (il timore era quello di lasciare una qualche traccia cartacea dell’effettivo rapporto esistente), ovvero attraverso la redazione di artificiose scritture private di cui i locatari si guardavano bene dal rilasciare copia alle parti. Anzi, in alcuni casi, giocando sullo stato di bisogno e necessità degli inquilini (per la maggior parte persone poco abbienti, extracomunitari, pensionati, ecc.), questi ultimi erano obbligati a firmare fogli di carta in bianco, sui quali le condizioni e le regole venivano successivamente apposte a seconda dei casi. Quando i “canoni di affitto” non venivano corrisposti, il proprietario, nelle sue vesti di avvocato, provvedeva anche ad avviare la procedura di recupero delle somme dovute, instaurando un vero e proprio contenzioso civile. Il paradosso è che in qualche caso l’inquilino moroso, oltre a trovarsi in giudizio contro il suo proprietario di casa, ha dovuto pagargli anche la parcella per le spese processuali. I Finanzieri, nel constare le irregolarità riscontrate, hanno inoltre avviato le procedure per l’adozione delle misure di garanzia a tutela del credito erariale (ex art. 22 del D.Lgs. 471/97) in ragione, oltre che dell’entità della materia imponibile sottratta a tassazione, anche della significativa differenza tra i redditi dichiarati e quelli ricostruiti. Il fenomeno delle locazioni immobiliari, rientra tra i settori di servizio verso i quali la Guardia di Finanza di Caserta esercita una costante attività di vigilanza, come confermano i risultati di servizio conseguiti nell’ultimo biennio, tra cui si ricorderà quello avente ad oggetto la scoperta di una casalinga titolare di ben 41 alloggi locati totalmente “in nero” nell’area domitia. Il risultato conseguito si inquadra dunque nel più ampio obiettivo istituzionale di prevenzione e repressione delle violazioni tributarie e finanziarie e testimonia l’impegno profuso delle Fiamme Gialle nella scoperta di quei fenomeni evasivi connessi al possesso di beni in quantità e misura tale da determinare un alto, ma celato, indice di capacità contributiva.

Leggi anche:

Raffica di interventi della Guardia di Finanza

La Finanza sgomina contrabbandieri dicarburante

Niente scontrino? 7negozi chiusi tra Napoli e Caserta

La Guardia di Finanza sequestra quote e auto di lusso

La Finanza sequestra 7300 pezzi di merce contraffatta

Guardia diFinanza sequestra 3mila litri di carburante adulterato

I più letti

Ultimi Commenti