Italia / Società

Discarica Lo Uttaro, Vescovo Nogaro in campo

(Visualizzato 4579 volte)

il Vescovo di Caserta, Raffaele NogaroCASERTA.Fermate il mostro, fermate il mostro”. È partito sulle parole della canzone della cantautrice per la PaceAgnese Ginocchio, e con un’ora di ritardo rispetto al previsto, il corteo contro l’apertura della discarica in località “Lo Uttaro”.

i ragazzi del Liceo Scientifico di Caserta alla marcia, sulle note della canzone Fermate il Mostro di Agnese GinocchioAlle 10, infatti, in piazza Ferrovia, c’erano solo pochi studenti e alcuni esponenti delle associazioni ambientaliste che avevano indetto la manifestazione. Ma poco dopo è arrivato il Vescovo di Caserta, Raffaele Nogaro. E nel giro di alcuni minuti la piazza si è riempita di gente. Con lui anche il parroco di San Nicola La Strada, don Oreste Farina, che sta guidando da qualche mese i suoi compaesani nella lotta contro l’apertura della discarica.Dietro lo striscione ufficiale con la scritta: “Legalità. No a Lo Uttaro”, le rappresentanze dei comitati di Acerra, Serre, l’assise di Palazzo Marigliano, le comunità locali di San Nicola La Strada, San Marco Evangelista e Maddaloni. La CGIL, le associazioni ambientaliste (Legambiente, Lipu, Wwf, Italia nostra, Terra nostra), i centri sociali, alcune centinaia di studenti ed esponenti delle comunità religiose di Caserta. In tutto 600 persone. Non voglio fare polemica con le persone – ha detto subito il Vescovo Nogaro – ma è certo che qui cercano proprio di affossare Caserta. Ho protestato col sindaco e col presidente della Provincia. Già abbiamo la guerra infinita delle cave in questo territorio e a nessuno sembra importare nulla di questo scempio. Ora vogliono aprire una nuova discarica proprio dove la salute di tanta gente è già compromessa. È una vergogna. Nogaro ha proseguito: Penso che bisogna lottare per non far aprire la discarica. E sono qui in piazza per dare sostegno alla manifestazione e a quanti si battono per affermare il diritto alla salute di tutti i casertani. Spero che ora si cominci finalmente a lottare contro la presenza delle cave. C’è bisogno del sostegno di tanti cittadini, perché ogni volta che è intervenuta con coraggio la magistratura e temporaneamente le ha fatto chiudere, gli amministratori locali sono intervenuti per farle riaprire. Man mano che il corteo proseguiva per via Roma, si ingrossava di gente. Alla fine erano più di un migliaio. Davanti al corteo, un furgoncino con due potenti casse, alternava musica rap con interventi degli esponenti del Comitato che spiegavano ai cittadini affacciati dai balconi, le ragioni della protesta: soprattutto il braccio di ferro intrapreso con Guido Bertolaso, il commissario per l’emergenza rifiuti. Al quale non è andato giù l’atteggiamento di alcuni di loro: aver portato la stampa estera a visitare le discariche dopo aver abbandonato la sala del teatro comunale dove si svolgeva un incontro pubblico. Non siamo spioni. Ci difendiamo, – ha detto al microfono don Oreste Farina – noi siamo gente buona, educata, ma anche coraggiosa. Se i nostri amministratori non ci difendono, dobbiamo farlo da soli. Con questa marcia la battaglia non finisce, ma comincia. Sotto la sede della Provincia, in corso Trieste, il corteo si è fermato. Il portone era sbarrato e protetto da agenti di polizia. Il vescovo Nogaro ha chiesto ripetutamente: Perché hanno sbarrato il portone?”. Ma non ha ricevuto alcuna risposta. Il corteo è proseguito per Via Mazzini, fino ad arrivare sotto la Prefettura, dove una delegazione composta dai rappresentati di tutte le associazioni, guidata dall’agronomo Giuseppe Messina, e dall’esponente dei Verdi Antonio Roano ha incontrato il vice prefetto Francesco Provolo. Intanto, l’apertura della discarica è slittata dal 1 al 4 aprile. Nell’area continueranno i presidi.

di Raffaele Sardo, da “Repubblica – Napoli”

Ascolta la canzone “Fermate il Mostro” di Agnese Ginocchio cliccando QUI

I più letti

Ultimi Commenti