Campania / Società

Lettera aperta del Vescovo Raffaele Nogaro

(Visualizzato 2118 volte)

Raffaele Nogaro CASERTA. “Le nostre terre sono state interessate nei decenni passati dallo sversamento di quantità incalcolabili di rifiuti tossici. Sversamenti illegali in discariche illegali che hanno compromesso quasi definitivamente l’equilibrio ecologico con inquinamento mortale di acqua, terreni e ciclo alimentare.

Da questo traffico la camorra ha ottenuto elevatissimi proventi. Si tratta di rifiuti di sostanze letali per gli esseri umani tanto che in vaste aree della provincia di Caserta vi è spaventosa insorgenza di tumori e di malformazioni genetiche, ormai statisticamente e scientificamente provate, con percentuali che ci fanno raggiungere un tristissimo primato europeo. A questi rifiuti si è aggiunta una assenza di qualsiasi politica di gestione dei rifiuti urbani se non quella di realizzare immense discariche dalle quali la camorra ha tratto ulteriori profitti. Una di queste discariche si trova nell’area denominata “Lo Uttaro” nel comune di Caserta, ma sul confine dei comuni di Maddaloni, San Marco Evangelista, San Nicola la Strada, al centro quindi di una zona densamente popolata da circa 200.000 persone. A “Lo Uttaro” negli anni passati sono stati sversati, in diverse discariche, milioni di metri cubi di spazzatura, una parte delle quali di residui industriali – anche esteri – e di altissima tossicità. In una di queste discariche, la cava abusiva Mastropietro, il commissario di Governo per l’emergenza rifiuti, il presidente della Provincia e il Sindaco di Caserta hanno deciso di depositare 450.000 metri cubi di nuova spazzatura. Le leggi però non consentono né di aprire nuove discariche in aree dove esse sono già presenti né di sversare altri rifiuti in una vecchia discarica. Come possiamo accettare tanta illegalità e un tale attentato alla vita?Lo Uttaro Si tratta di un errore che potrà avere ulteriori gravissime conseguenze per tutta la nostra popolazione. Un errore che renderà definitiva la calamità nella quale già siamo costretti, nostro malgrado, a sopravvivere. Se è giusto che ogni provincia si faccia carico dei propri rifiuti e ancora molto più giusto che si riconosca l’eccezionalità della situazione nella quale si trova la provincia di Caserta che è stata devastata e continua ad essere sconvolta dal traffico illecito di rifiuti mortali. Il Governo nazionale e la Regione dovrebbero riconoscere questo danno permanente che abbiamo subito e provvedere di conseguenza con una azione capillare di bonifica e facendosi carico – per un certo numero di anni – di una gestione esterna dei nostri rifiuti. Intanto le nostre istituzioni locali si impegnino – come ancora non hanno colpevolmente fatto – a far cominciare la raccolta differenziata. E’ mio dovere allora richiamarvi ad un intervento immediato perchè il mandato popolare che vi è stato affidato vi impone di agire per il bene di tutti. E’ la vita di tutti noi che è in pericolo, soprattutto quella dei bambini destinati ad accumulare nel tempo sostanze altamente nocive. E’ a nome loro e a nome dei tanti cittadini già ammalati che mi appello alle vostre coscienze di donne e uomini impegnati nell’amministrazione del bene comune, perché al di là delle appartenenze di partito, oltre qualsiasi calcolo elettorale, personale, di gruppo o di corrente facciate prevalere la legalità e la giustizia per queste nostre terre sfigurate da cave, rifiuti tossici e camorra. Il mandato di rappresentanza che i cittadini vi hanno affidato è una responsabilità grandissima, ognuno di voi si senta interpellato personalmente in questa ora tanto grave. Nessuno di voi può delegare ad altri (segretari di partito, capigruppo o capicorrente) la personale responsabilità di fronte al male sia esso compiuto con deliberata coscienza sia esso realizzato per ignoranza o provocato dall’inganno. La camorra che tutti dicono di voler combattere si sconfigge innanzitutto restituendo ai cittadini fiducia nelle istituzioni che devono mostrarsi coraggiose e libere da condizionamenti e interessi personali. Vi chiedo quindi di manifestare con me il vostro dissenso dalle decisioni che sono state incautamente prese, di trovare le forme opportune di opposizione fino all’autosospensione dagli enti di rappresentanza locale nei quali siete impegnati. Vi chiedo di collaborare con me a quest’opera di giustizia per il bene e la salute di tutti”.

I più letti

Ultimi Commenti