Aversa / Politica

D’Amore ritira la candidatura a sindaco

(Visualizzato 657 volte)

Antonello D'AmoreAVERSA. “Ritiro la mia disponibilità a candidarmi come sindaco dell’Unione”. L’esponente della Margherita, primario di radiologia dell’ospedale Moscati di Aversa, Antonello D’Amore, lascia la competizione elettorale, dopo i veleni ed i veti incrociati all’interno della coalizione di centrosinistra.

“In considerazione delle decisioni assunte dalle segreterie provinciali di alcuni partiti dell’Unione – commenta D’Amore – pur non condividendone l’operato, che resta discutibile sotto tanti punti di vista, non mi resta che rispettare le scelte dei dirigenti di Caserta. Sono un uomo di partito, poco avvezzo ai colpi di testa. I miei valori ispiratori poco hanno a che fare con la rappresaglia inscenata da vari personaggi politici negli ultimi mesi. La mia dignità e la mia storia familiare sono al di sopra delle miserie umane, quindi di fronte ad un atto scellerato e autodistruttivo non mi resta che rientrare nei ranghi”. L’esponente della Margherita ha parole di ringraziamento per i partiti che hanno speso il suo nome fino alla fine. “Ringrazio – continua D’Amore – tutti coloro che hanno creduto nella mia persona. I partiti dell’Unione ed in particolare i Comunisti Italiani e Rifondazione Comunista, nelle persone di Luca De Rosa e Gabriele Vedova, i quali non hanno mai avuto tentennamenti e che fino a pochi minuti prima che decidessi di ritirarmi mi hanno rinnovato il loro sostegno ed espresso la loro stima. Un ringraziamento va anche al Comitato civico ‘Per il bene di Aversa’, coscienza critica del centrosinistra di Aversa, che sta dando un contributo fattivo per il rinnovamento della classe dirigente locale”. Antonello D’Amore sottolinea, comunque, la sua fedeltà al progetto del centrosinistra. “Resto, senza se e senza ma – conclude il margheritino – nell’Unione e nella Margherita, di cui sono stato uno dei fondatori. Credo molto nel costituendo Partito Democratico per la crescita del quale, mi auguro, di poter dare il mio modesto contributo”.

I più letti

Ultimi Commenti