Gricignano / Società

Scioperano gli operatori della Multiservizi

(Visualizzato 937 volte)

Giacomo Di RonzaGRICIGNANO. Martedì mattina, i dipendenti della “GMC” hanno protestato in Piazza Municipio contro il mancato percepimento della mensilità di dicembre. Dopo l’intervento dell’assessore Di Ronza, la società ha garantito il pagamento per il giorno successivo.

Un gruppo di quindici dipendenti della Gmc Multiservizi, società addetta al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, ieri mattina ha inscenato una protesta pacifica sotto la casa comunale di Piazza Municipio. Motivo: il mancato percepimento dello stipendio relativo al mese di dicembre. I dipendenti, infatti, ricevono lo stipendio entro il giorno 15 di ogni mese. Ieri, che era il 16, vistisi non accreditare l’importo dovuto, si sono recati in Municipio per ottenere chiarimenti. Ad interessarsi della problematica è stato l’assessore all’ambiente, Giacomo Di Ronza, il quale, dopo aver precisato che il Comune di Gricignano ha pagato regolarmente la propria quota alla società, ha contattato i dirigenti della Gmc. Questi ultimi hanno addebitato la questione a problemi tecnici, chiarendo che i dipendenti avrebbero ricevuto lo stipendio entro il giorno successivo o, al massimo, entro la giornata di giovedì 18.

Raccolta rifiutiL’episodio ha ricordato la protesta che gli operatori della GeoEco fecero nel mese di dicembre nello spiazzale antistante la sede della società, a Teverola, a causa della mancata corresponsione delle spettanze salariali relative al mese di novembre. In quella circostanza, però, gli stessi operatori bloccarono il regolare espletamento del servizio di raccolta rifiuti in tutti i Comuni del bacino. Il problema, come dichiarava la dirigenza della GeoEco, era dovuto al fatto che i Comuni del bacino non pagano al consorzio i canoni mensili dovuti. Non a caso, l’allora presidente uscente della GeoEco e sindaco di Aversa, Domenico Ciaramella, invitò i Comuni morosi a pagare i rispettivi debiti, al fine di non compromettere ulteriormente la difficile situazione finanziaria del consorzio che, come si è visto, può causare notevoli disagi ai dipendenti.

I più letti

Ultimi Commenti